Idv su progetto di legge gestione dei corsi d’acqua, no al baratto con le imprese

L’Aquila. “In relazione al Progetto di Legge sulle norme in materia di gestione dei corsi d’acqua, sebbene ci si renda conto della necessità di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria per la prevenzione e messa in sicurezza della regione fluviale rispetto al rischio idrogeologico e agli squilibri fisico ambientali degli alvei fluviali e, allo stesso tempo, della mancanza di risorse economiche da investire nel settore, non si può lasciare al libero arbitrio delle imprese la realizzazione di tali operfiume-trigno-inquinamento-wwf-300x200e con questo principio di compensazione che ‘baratta’ il lavoro delle ditte per le infrastrutture e la rimozione del materiale litoide e vegetale, con lo stesso materiale del demanio idrico e marittimo che viene ceduto alle imprese stesse”. E’ quanto affermano gli esponenti abruzzesi dell’Italia dei Valori. “La tutela dell’alveo fluviale e dell’ecosistema naturale del fiume richiede progettazione e visione pubblica, rispetto di regole ben precise e non improvvisazione e soluzioni fantasiose. La Regione dovrebbe investire sulla tutela ambientale, predisporre i progetti e definire le regole sugli interventi al fine di evitare rischi idrogeologici e aggressioni alla vegetazione che possano ledere in maniera permanente il territorio e l’ecosistema. Bisognerebbe, oltretutto,” concludono “garantire una esecuzione controllata degli interventi e non azioni  lasciati alla discrezionalità delle imprese nella fase di realizzazione”.