Maltempo: domani scuole chiuse in oltre 20 Comuni abruzzesi, in migliaia ancora senza acqua

L’Aquila. Resteranno chiuse anche domani 11 gennaio, a causa del protrarsi del maltempo, le scuole di ogni ordine e grado nei Comuni di Chieti, Pescara, Spoltore, Montesilvano, Roseto, Giulianova, Ortona, Orsogna, S.Salvo, Vasto, Crecchio, Cepagatti, Penne, Città S.Angelo, Tollo, Treglio, Canosa Sannita, Bucchianico, Lanciano, Fossacesia, Mozzagrogna, S.Maria Imbaro, Rapino, Pizzoferrato, Guardiagrele. A Chieti le scuole resteranno chiuse anche giovedì 12 gennaio, mentre a Crecchio saranno chiuse fino a sabato 14. In considerazione del perdurare delle avverse condizioni meteorologiche e dei conseguenti disagi nella circolazione stradale ancora presenti, sia nelle aree interne che lungo la costa, il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, ha chiesto ai sindaci dei Comuni di Pescara, Popoli, Torre de’ Passeri, Montesilvano, Penne, Città S.Angelo, Cepagatti e Alanno, di sospendere anche per domani, l’attività didattica negli istituti di competenza provinciale nei loro territori.

Ancora migliaia di persone senz’acqua in Abruzzo a causa del maltempo, della neve e del gelo. Grande lavoro dei tecnici dell’Azienda comprensoriale acquedottistica (Aca) di Pescara, gestore idrico dei comuni del Pescarese e di alcuni comuni del Chietino e del Teramano, che stanno lavorando 24 ore su 24 per fronteggiare le tante richieste di intervento. In base all’evolversi delle condizioni meteorologiche, la situazione potrebbe tornare alla normalità nel giro di 48 ore. Sono 2.000 al momento, secondo le stime dell’Aca, le utenze rimaste senz’acqua. I problemi principali sono dovuti ai contatori ghiacciati: in corso di sostituzione almeno 1.500 unità. Poi ci sono guasti e rotture, difficili da individuare per la presenza della neve. A causa della dispersione idrica l’azienda è stata costretta ad abbassare i livelli dei serbatoi, con il risultato che riduzione di portata e cali di pressione si riscontrano ovunque. Le situazioni più critiche, riferisce il direttore tecnico dell’Aca, Lorenzo Livello, si registrano a Città Sant’Angelo, Penne, Cepagatti (Pescara) e San Giovanni Teatino (Chieti), ma problemi, a macchia di leopardo, ci sono in tutto il territorio di competenza dell’azienda. Numero verde e centralini in tilt, per le numerosissime richieste da parte degli utenti.