Blitz nella Regione Abruzzo: ecco chi sono i sette indagati per la ristrutturazione di Palazzo Centi

L’Aquila. In un clima di stretto riserbo e con gli inquirenti e gli investigatori con le bocche cucite, emergono i nomi dei sette indagati in uno dei tre filoni di indagine, quello sull’appalto sulla ristrutturazione di Palazzo Centi, sede della Giunta abruzzese all’Aquila, danneggiata seriamente dal terremoto del 6 aprile 2009, dell’inchiesta della procura dell’Aquila che ha colpito la Regione Abruzzo. Nel filone di Palazzo Centi finisce il capo della segreteria di D’Alfonso, Claudio Ruffini, che nella passata legislatura è stato consigliere regionale del Pd. Poi, l’imprenditore Eugenio Rosa, amministratore delegato di Icet Engineering di Castelli (Teramo), che è arrivata terza nella gara, i tre componenti della commissione di gara, i funzionari regionali Giancarlo Misantoni (presidente), l’architetto Roberto Guetti e l’ ingegnere Silverio Salvi. Sotto indagine anche due progettisti: Gianluca Marcantonio, nominato nell’agosto del 2016 componente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, e un mese fa entrato nel Comitato tecnico scientifico della struttura del commissario per la ricostruzione in Centro Italia, Vasco Errani. Indagato anche l’altro progettista, Alessandro Pompa.

Per i sette le ipotesi di reato sono corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio. Secondo quanto si è appreso, la Procura contesterebbe in particolare pressioni per la scelta dei nomi in commissione e anche il fatto che i progettisti avrebbero avuto gli elaborati progettuali quattro mesi prima del bando di gara. Degli altri due filoni delle indagini ­ uno a Penne (Pescara) e un altro a Pescara per lavori preventivati su case popolari ­ curate da Carabinieri e Polizia di Stato, non si conoscono tutti gli indagati: è emerso solo che sono indagati D’Alfonso, come sottolineato da lui stesso in un comunicato, e per quanto riguarda l’appalto per le case Ater di Pescara, Marcantonio.