Il senatore Antonio Razzi candidato al premio Nobel per la Pace, spunta una petizione sul web

Razzi, segretario della commissione affari esteri ed emigrazione al senato, ha affermato di recarsi in Corea del Nord sin dal 2007. Nel 2013 ha manifestato la sua intenzione di riportare la pace tra le due Coree. “Ci sono spiragli di dialogo … Mi hanno detto che potrei pure vincere il Nobel. Qualcuno ha ironizzato sulla mia iniziativa ma ci volevo proprio io per promuovere un progetto che dovrebbe portare alla riunificazione, a distanza da quel lontano 1953 quando al termine della guerra si separarono. Far cadere quel “muro”, lungo il 38º parallelo, come si è riusciti a buttare giù quello delle due Germanie nel 1989″. Nel suo ultimo viaggio, la scorsa domenica, il volo dalla Corea del Nord era stato posticipato “per un problema ai radar”, come ha spiegato lo stesso Razzi. Ma in quelle ore il mondo era con il fiato sospeso per il botta e risposta tra Kim Jong-un e Donald Trump ed il rischio di una guerra nucleare.

Recentemente Razzi ha visitato anche la Siria, in quella circostanza fece discutere il suo selfie con il presidente Assad. Il senatore era volato in Siria insieme a un gruppo di parlamentari russi ed europei per favorire la creazione di una commissione costituzionale all’interno del Parlamento siriano volta ad aumentare le possibilità di dialogo fra le fazioni in lotta. @fededimarzio84