Tutela e salvaguardia della fascia costiera, dalla Regione fondi ai comuni del litorale

Pescara. Firmata questa mattina la stipula delle concessioni di trasferimento delle risorse destinate a interventi urgenti per la difesa della costa nei comuni di Vasto, Casalbordino, Fossacesia, Montesilvano, Roseto degli Abruzzi, Martinsicuro, Rocca San Giovanni, Pescara, Silvi, Ortona e in aggiunta anche Francavilla. Il provvedimento e’ stato portato avanti dall’assessore all’Urbanistica e ai Lavori pubblici della Regione Abruzzo Donato Di Matteo per la tutela e la salvaguardia della fascia costiera, attraverso lavori urgenti volti a contrastare i fenomeni erosivi in atto, a ripristinare le condizioni di massima sicurezza nei tratti di costa, che presentano maggiori criticita’ e ad eliminare potenziali rischi per la pubblica e privata incolumita’. Sulla scorta dei sopralluoghi effettuati dal Servizio delle Opere Marittime e Acque Marine di Pescara e’ stato stilata un’azione urgente.

Le somme assegnate ai Comuni sono 670mila euro: Vasto 50mila euro, Casalbordino 100mila, Fossacesia 50mila, Montesilvano 50mila, Roseto degli Abruzzi 60mila euro, Martinsicuro 60mila, Rocca San Giovanni 50mila euro, Pescara 150mila euro, Silvi 50mila euro e Ortona 50mila euro. Ulteriori risorse di 60mila euro verranno assegnate al Comune di Francavilla. “Fin dal mio insediamento – spiega l’assessore Di Matteo – ho lavorato per arginare il fenomeno erosivo della costa con azioni concrete verso i comuni che necessitano di provvedimenti urgenti. I fondi sono stati indirizzati a favore di undici citta’ e con l’estate alle porte mi auguro che gli interventi possano iniziare al piu’ presto. Sono state ascoltate inoltre le segnalazioni pervenute oltre che dalle amministrazioni comunali, da associazioni di balneatori e privati cittadini che in seguito alle mareggiate e alle condizioni meteo avverse hanno denunciato le criticita’. Il fenomeno erosivo su alcuni tratti del litorale abruzzese – osserva l’assessore – sta facendo sparire intere spiagge che da anni rappresentano le maggiori attrative turistiche della regione, provocando anche numerosi danni ambientali. Le risoluzioni finanziate, l’ho ribadito anche ai sindaci, impongono pero’ tempi rapidi”.