Biocombustibile abusivo, finanza sequestra azienda che produce pellet e tronchetti

San Giovanni Teatino. I militari della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Pescara, nell’ambito dei servizi di polizia giudiziaria e di controllo economico del territorio disposti dal Reparto Operativo Aeronavale, hanno eseguito, nei giorni scorsi, presso un sito industriale dedito alla produzione di biocombustibile in località San Giovanni Teatino (CH), un sopralluogo volto alla verifica della corretta gestione dell’intero impianto di produzione. L’attività, svolta attraverso approfonditi controlli incrociati ed un’attenta analisi documentale, consentiva di far emergere, oltre ad un’illecita gestione dei rifiuti, l’abusiva produzione di biocombustibili (pellet e tronchetti). L’esito della capillare ispezione si concludeva con il sequestro d’iniziativa dell’intero sito di produzione, dell’impianto di abbattimento delle emissioni in atmosfera nonché dell’intera area deposito con all’interno, tra l’altro, circa 500.000 kg di prodotto confezionato (pellet e tronchetti) pronto per essere posto in commercio, per un valore complessivo stimato superiore a 500.000 €.

Il citato materiale, infatti, è risultato essere, come riportato dai certificati di analisi di laboratorio, non conforme ai parametri di legge
di cui alla norma UNI EN ISO 17225, mentre, per ciò che attiene la segatura in ingresso, è stata rilevata, attraverso i rapporti di prova, la presenza di metalli pesanti. L’attività svolta è solo l’ultima, in ordine di tempo, di una mirata azione condotta sul territorio abruzzese dai militari appartenenti alla componente aeronavale della Guardia di Finanza per contrastare il fenomeno dei reati ambientali e i traffici illeciti di rifiuti ai fini della tutela del territorio e del patrimonio dello Stato.