Rischio idrogeologico ed erosione della costa: assegnati 20 milioni, ecco i comuni finanziati

Pescara. E’ stata sottoscritta, questa mattina, a Pescara, la convenzione propedeutica alla realizzazione delle opere di bonifica ambientale finanziate con le risorse Fsc 2014-2020 “Interventi per la riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera”, nei territori dei Comuni di Vasto, Vacri, Trasacco, Rosello, Roccamontepiano, Roccamorice, Ripa Teatina, Prezza, Paglieta, Montenerodomo, Lettomanoppello, Isola del Gran Sasso, Civitella Messer Raimondo, Chieti, Castiglione Messer Raimondo, Castiglione Messer Marino, Castelguidone, Casalincontrada, Casacanditella e Bellante. A siglare l’intesa sono stati il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, ed i sindaci dei Comuni interessati. Le risorse complessive ammontano a quasi 20 milioni di euro cosi’ suddivisi: consolidamento piazza Monsignor Venturi e via Modesto della Porta – II e I Lotto – Chieti (830mila euro), consolidamento località Santa Maria Calvona e Fosso Canino – Chieti (350mila euro), completamento consolidamento del costone orientale zona piazza Marconi Loggia Amblingh – Vasto (800mila euro), lavori di consolidamento e risanamento idrogeologico del centro abitato di Vacri e località Acquaviva – Vacri (1 milione 200mila), intervento di consolidamento nel territorio comunale di Bellante – Lotto 2 Circonvallazione via dei Martiri (1milione 500mila), dissesto SP ingresso paese – Comune di Castiglione Messer Raimondo (1 milione 200 mila), lavori di consolidamento idrogeologico via Inforzi IV tratto – III Lotto funzionale – Ripa Teatina (1 milione 100mila), lavori di consolidamento in via Dante Alighieri – Casalincontrada 1 milione 100mila), lavori di consolidamento in area urbana in via Madonna – Casacanditella (1 milione 100mila), consolidamento centro storico settore settentrionale del centro abitato di Castelguidone (790mila), consolidamento e monitoraggio dell’abitato in località Reginaldo – Roccamontepiano 865mila), consolidamento strada provinciale Roccamorice-San Valentino (100mila), consolidamento del capoluogo comunale via del Sangro e via San Canziano – Paglieta (345mila), consolidamento centro abitato di Lettomanoppello (1 milione 750mila), lavori di sistemazione geotecnica delle aree in frana nel centro abitato di Castiglione Messer Marino 1 milione 500mila, lavori di consolidamento del centro abitato del comune di Prezza e nella frazione Campo di Fano (1milione 550mila), Montenerodomo capoluogo comunale centro-Viale Petrarca (600mila), consolidamento via Giustina e villa comunale – Civitella Messer Raimondo (345mila 763 euro), lavori di consolidamento centro abitato Rossello (1 milione 593mila 453 euro), lavori di mitigazione rischio idrogeologico del territorio comunale di Trasacco – Lotto 1 (1 milione di euro), intervento per la riduzione del rischio idrogeologico sul fiume Mavone – Località Torretta di Isola Isola del Gran Sasso d’Italia (97mila 826 euro). “Oggi, abbiamo assegnato contributi straordinari – ha dichiarato D’Alfonso – a valere su risorse sia statali che regionali ai comuni su cui incombe il rischio idrogeologico sia rispetto ad abitazioni che a nuclei fortemente vitali per la nostra economia. Registro con soddisfazione la collaborazione delle amministrazioni comunali che hanno curato le progettazioni preliminari ed inqualche caso definitive. Tutto questo – ha concluso – significa sia possibilità concreta di risanamento idrogeologico ma anche Pil perche’ questi interventi porteranno sul territorio appalti che avranno anche ricadute occupazionali”. Con Deliberazione del CIPE n. 55 dell’1 dicembre 2016 e’ stato approvato il “Piano Operativo Ambiente” che, per l’Abruzzo, prevede interventi per la tutela del territorio e delle acque, così come proposti dal Governo regionale e concordati con il Ministero dell’Ambiente, finanziati per complessivi 19 milioni 717mila 044 euro. La proposta, esaustivamente definita il 12 dicembre 2016 nell’ambito di un tavolo ministeriale appositamente convocato, è stata approvata con delibera di Giunta regionale n. 169 del 6 aprile scorso, dando altresì mandato al competente Servizio Difesa del Suolo della Regione di porre in essere tutti gli opportuni adempimenti necessari e consequenziali. A tal proposito, con lettera del 16 ottobre scorso la Direzione Generale del Ministero dell’Ambiente ha inviato alla Regione Abruzzo l’elenco delle opere di mitigazione e di contrasto al dissesto idrogeologico, a valere sulle Risorse FSC 2014-2020. In una riunione programmatoria svoltasi al Ministero dell’Ambiente il 2 novembre scorso, avendo stabilito di procedere all’attuazione degli interventi finanziati attraverso la stipula di Accordi di Programma ai sensi di legge, e’ emersa la necessita’, urgente e non rinviabile, di dare l’avvio all’iter tecnico-amministrativo occorrente alla fase della progettazione e alla successiva esecuzione dei lavori mediante la sottoscrizione di specifica convenzione tra la Regione Abruzzo e gli enti locali interessati.