Nuova scuola a Collaranesco prevista per settembre, i lavori termineranno il 29 luglio

Collaranesco. Come anticipato dal sindaco Francesco Mastromauro, oggi, 12 marzo, è stato sottoscritto con la ditta aggiudicataria, la Tecno Costruzioni srl di Cerignola (Foggia), il verbale di consegna e inizio dei lavori per la scuola di Colleranesco. Interventi finalizzati, su un importo di 855.000 euro, al miglioramento sismico dell’edificio portando il coefficiente a livello 1. “I lavori, dichiara il sindaco, “termineranno il 29 luglio prossimo così da garantire a settembre la regolare ripresa delle lezioni nella scuola di Colleranesco. Quando alunni, insegnanti e personale torneranno nell’edificio avranno pertanto la garanzia di una struttura sicura giacché gli interventi innalzeranno considerevolmente il grado di resistenza sismica portandolo ad 1 dall’attuale 0,053, motivo della decisione da me presa nel febbraio 2017 di chiudere la scuola proprio per tutelare l’incolumità fisica di chi usufruiva del plesso a fronte del terremoto che aveva coinvolto il nostro territorio e sulla scorta delle preoccupanti previsioni, prospettate dalla Commissione Grandi Rischi, che la sequenza sismica non fosse in esaurimento.

Questo è sicuramente l’aspetto centrale, il più importante, ma non l’unico. Nello scorso dicembre, infatti, abbiamo deliberato una ulteriore spesa di 140.000 euro per l’adeguamento degli impianti antincendio sia della scuola di Colleranesco che di quella di Bivio Bellocchio. Insomma, per noi la sicurezza scolastica è al primo posto. E lo è da sempre. Come ci è stato d’altronde riconosciuto il 4 agosto 2017 da ASSAI, l’Associazione Scuole Sicure Abruzzo Italia che raccoglie i timori e le proteste di oltre mille famiglie, nel sottolineare l’impegno del sottoscritto e dell’Amministrazione comunale giuliese portato avanti tra i primi in Abruzzo e costantemente sin dal 2009”.

“Ne sono prova – aggiunge l’assessore ai Lavori pubblici Gian Luigi Core – i lavori, per oltre due milioni di euro, che nel 2015 hanno consentito di rendere più sicuri i plessi scolastici della media Bindi e delle materna ed elementare di Zona Orti con un indice pari ad 1. Ma anche quelli sulla “De Amicis”, ultimati nel settembre dello scorso anno su un importo di 547 mila euro, che hanno innalzato il coefficiente antisismico a 0,85. Da rammentare poi gli analoghi lavori sull’asilo “Le Coccinelle”, sempre sotto il profilo della sicurezza antisismica, che prenderanno avvio con l’emanazione del relativo bando che la Stazione Unica Appaltante della Provincia, come ha assicurato dopo le sollecitazioni del sindaco, pubblicherà entro la fine del mese in corso. In questo caso sono a disposizione 405.000 euro, somma derivante dall’avviso pubblico relativo ai Fondi FSC – Risorse Premiali per Obiettivi Prima Infanzia, che, vada detto per inciso, costituisce lo stanziamento maggiore in Abruzzo dopo Pescara”.