Trasporto scolastico, dalla Regione un sostegno agli studenti delle aree svantaggiate

L’Aquila. “Comunico con grande soddisfazione e con un sentito ringraziamento per l’intero Consiglio e l’Ufficio di Presidenza che nella seduta del 12 giugno scorso e’ stata approvata la deliberazione con la quale si da’ attuazione, con fondi reperiti tra le economie realizzate dal Consiglio regionale, all’art. 4 della Legge Regionale 30 novembre 2017 n. 57 che prevede misure di sostegno al pendolarismo studentesco nelle aree svantaggiate”. Lo afferma il presidente del Consiglio Giuseppe Di Pangrazio. “Molti territori – osserva – erano rimasti esclusi dalle riduzioni tariffarie previste nelle aree interne e montane. Con questo atto si restituisce un sostegno fondamentale alle famiglie, al diritto allo studio per tutti gli studenti che risiedono nelle aree maggiormente disagiate”.

La deliberazione precede la riduzione tariffaria del 10% per gli studenti, che devono avere un’eta’ compresa tra 11 e 26 anni, residenti in 129 Comuni delle aree interne e montane. “Con le economie realizzate in questi anni nel bilancio del Consiglio regionale – conclude il presidente Di Pangrazio – siamo intervenuti, oltre che a promuovere lo sviluppo di Istituzioni fondamentali come il Gran Sasso Science Institute vanto dell’intera nostra regione per la formazione superiore, anche per il sostegno delle politiche e dell’associazionismo sociale e culturale e con un doppio bando, che ha avuto un grande successo di adesioni, per la ripresa produttiva delle microimprese residenti nel cratere sismico. Siamo dunque impegnati a fare del Consiglio regionale, anche in integrazione delle azioni istituzionali del Governo regionale, un centro di promozione delle politiche di sviluppo e di coesione sociale dell’Abruzzo”.