The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Giovane morto per meningite, la Asl avverte: chi ha avuto contatti è a rischio, attivata unità di crisi

Pescara. “Sono potenzialmente a rischio di contagio coloro che hanno avuto contatti diretti nell’ultima settimana con il paziente”. Lo scrive in una nota la Asl di Pescara in relazione al caso del 21enne morto per una sepsi meningococcica fulminante, precisando che “le forme di contagio diretto sono prevenibili attraverso la profilassi” e raccomandando “nel dubbio, di fare la profilassi farmacologica, rivolgendosi al proprio medico di famiglia o al servizio di Guardia medica”.

Andrea Montebello, 21enne di Città Sant’Angelo, è morto la scorsa notte all’ospedale di Pescara a causa di sospetta meningite. Il decesso è dovuto ad una sepsi meningococcica, apprende l’ANSA dalla direzione sanitaria della Asl, ed è in corso la tipizzazione, con esami che richiedono circa 24 ore. Intanto è stata avviata la profilassi per una decina di persone entrate in contatto con il giovane. Il ragazzo sabato sera, periodo di incubazione, è stato in un locale di Pescara Vecchia, il Qube, che è stato invitato a restare chiuso in attesa di ulteriori decisioni e accertamenti. Il 21enne è arrivato in pronto soccorso attorno alle 21 con i sintomi tipici della meningite. E’ stato ricoverato in Rianimazione, ma il quadro clinico è peggiorato rapidamente, nonostante i tentativi di intervento, anche con tecniche innovative, fino al decesso, avvenuto alle 5.30.

 

L’azienda sanitaria ha già attivato una unità di crisi per la profilassi e l’inchiesta epidemiologica. “La drammatica scomparsa del giovane di Città Sant’Angelo avvenuta in data odierna presso la Rianimazione del Presidio Ospedaliero di Pescara”, si legge in una nota della Direzione generale della Asl, “è dovuta ad una sepsi meningococcica fulminante da ‘Neisseria meningiditis’. Attualmente sono in corso le tipizzazioni del ceppo”. La profilassi farmacologica, sottolinea la Asl, “riduce il rischio a valori prossimi allo zero. I farmaci da usare, sotto prescrizione medica, sono Ciprofloxacina 500 mgr (1 compressa una sola volta), oppure Ceftriaxone 250 mgr o 500 mgr (in base al peso; una sola somministrazione per iniezione intramuscolare), oppure Rifampicina 600 mgr (una compressa ogni 12 ore per due giorni, 4 compresse in totale). In ogni caso le forme da contagio diretto sono prevenibili attraverso la profilassi sopra riportata. I segni ed i sintomi precoci della malattia sono aspecifici (cefalea,febbre,dolori addominali)”.

E’ quindi scattato il protocollo previsto in questi casi, con i test di laboratorio e con l’indagine epidemiologica avviata dal Servizio igiene e sanità pubblica della Asl, che ha ricostruito gli ultimi giorni di vita del ragazzo ed individuato tutte le persone entrate in contatto col giovane; una decina i soggetti già arrivati in Pronto soccorso per la profilassi. Appurato che il giovane sabato sera era stato nel locale di Pescara Vecchia, il titolare è stato invitato in via precauzionale a tenere chiusa l’attività in attesa di ulteriori accertamenti.

Anche il sindaco di Città Sant’Angelo, Gabriele Florindi, attraverso i social sottolinea che “a causa della morte del nostro giovane concittadino i sanitari hanno attivato la profilassi di prevenzione per tutti coloro che hanno avuto contatto e frequentato il ragazzo nei 7-8 giorni antecedenti il decesso. Solo chi ha avuto contatto ravvicinato con lui – dice il primo cittadino – deve recarsi presso la guardia medica del distretto sanitario di Città Sant’Angelo”.