The news is by your side.

27 casi di disturbi nella crescita all’ospedale dell’Aquila. I medici affermano: è importante la prevenzione

L’Aquila. Ventisette casi con disturbi della crescita su 32 bambini visitati di età compresa tra 1 e 14 anni.

È il dato che emerge dallo screening di prevenzione compiuto nelle settimane all’ospedale dell’Aquila dal centro di auxologia del reparto di pediatria. I controlli si sono svolti in occasione della campagna nazionale all’insegna dello slogan: ‘La crescita dei bambini’, promossa a livello nazionale dall’A. fa. d.o.c. (associazione famiglie soggetti con deficit dell’ormone della crescita) nel periodo 23- 28 settembre scorsi, a cui hanno aderito i più importanti centri specializzati delle regioni.

L’alto numero di anomalie del processo di crescita, rilevate durante i controlli fatti negli ambulatori del capoluogo regionale abruzzese, ripropone l’importanza della prevenzione, soprattutto su fasce di età delicate che rientrano nell’età evolutiva. Le alterazioni riscontrare riguardano diverse forme patologiche, tra cui bassa statura, obesità, ritardo della pubertà e della crescita, macrocrania (circonferenza cranica superiore alla media), pubertà anticipata.

“Il numero di situazioni anomale che abbiamo riscontrato” dichiara Giovanni Farello, direttore del centro auxologia di L’Aquila “è molto significativo perché condotto su un piccolo campione di popolazione apparentemente sana. Ciò significa che la diagnosi precoce è fondamentale per intervenire efficacemente su questo tipo di patologie che vengono spesso trascurate”.

All’ospedale San Salvatore, riconosciuto dall’A.fa. d.o.c. come centro di riferimento regionale di auxologia, si sono sottoposti a visita soggetti residenti in provincia dell’Aquila (20), Chieti (4), Teramo ( 4), Pescara (3) e, da fuori regione, Rieti (1): 22 maschi, aspetto casuale e non legato a motivi particolari. Coloro che ai controlli hanno presentato disturbi della crescita sono stati indirizzati a ulteriori valutazioni negli ambulatori dell’ospedale o, per monitoraggi più accurati, a controlli in day hospital.

Il più piccolo dei soggetti visitati aveva 11 mesi, il più grande 14 anni. Nel corso della sua ordinaria attività annuale l’auxologia dell’ospedale dell’Aquila effettua circa 400 visite di cui il 30 % su residenti che risiedono in altre province d’Abruzzo (soprattutto Lazio). Lo scorso anno sono stati compiuti 220 accertamenti in day hospital.