The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

A Bussi Chiodi interviene sulla discarica dei veleni, attesa per la conferenza stampa

Gianni  ChiodiBussi. C’è grande attesa per la conferenza stampa del governatore Chiodi, questa mattina a Bussi dove interverrà anche il commissario straordinario dell’Aterno-Pescara, Adriano Goio, per illustrare la questione dell’acqua e della così detta discarica dei veleni  alla luce del documento dell’Istituto superiore di sanità che ha suscitato molta preoccupazione tra la popolazione del bacino Pescara-Chieti nonché un vespaio di polemiche con accuse e scarico di responsabilità. Già ieri il governatore era intervenuto sulla questione per sgomberare il campo da allarmismi e per ricordare lo stato delle cose sottolineando che: “la discarica abusiva di Bussi è stata individuata e sequestrata dalla Procura di Pescara nel 2007. Nei primi giorni di agosto si verificò che i pozzi Sant’Angelo, posti a valle della discarica e degli stabilimenti di Bussi erano inquinati. Il Commissario delegato nominato alla fine del 2006 dal Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta della regione Abruzzo, chiuse immediatamente i pozzi e realizzò quattro pozzi a S. Rocco, a monte degli stabilimenti industriali e della stessa discarica, ed un nuovo acquedotto. Da allora, quindi dal 2007, la popolazione del Chietino-Pescarese beve acqua purissima e in quantità tale da evitare che ci siano quelle carenze idriche che periodicamente colpivano in estate le popolazioni e i turisti della costa abruzzese”. Chiarisce quindi sul pericolo e sull’allarmismo Chiodi e continua: “Ora c’è un processo in corso, in Corte D’Assise di Chieti, ove sono imputati tutti i presunti inquisitori di allora. Quello che ha scatenato la tempesta mediatica di ieri è stato un documento che l’Istituto Superiore della Sanità ha elaborato (ma su dati che hanno “fotografato” la situazione del 2007) e che è stato depositato nel processo di Chieti finalizzato alla richiesta del danno ambientale. Ma per quanto attiene la qualità e la quantità dell’acqua che attualmente arriva alla popolazione del bacino Chieti-Pescara è ottima e assolutamente sufficiente. Ma non fu facile per il Commissario straordinario perché qualcuno del partito dell’acqua di Pescara pose molti ostacoli alla chiusura tempestiva dei pozzi. Oggi queste persone si ripresentano agli elettori. Sono gli stessi di ieri, i gattopardi del libro di Alan Friedman. Stavolta però l’Abruzzo non tornerà indietro”. Tantissime sono state le polemiche politiche in questi giorni con accuse a destra e a sinistra che probabilmente continueranno a inquinare, potremmo dire ad avvelenare la campagna elettorale, ma la cosa che maggiormente ora deve seriamente preoccupare le istituzioni è la definitiva bonifica della discarica e la valutazione della possibilità di una indagine epidemiologica a campione con la valutazione dei danni alla salute per i cittadini che hanno bevuto i veleni delle acque fino al 2007. Gianluca Rubeo