The news is by your side.

A Chieti nasce Spazio mamma: monitoraggio durante gravidanza per prevenire depressione perinatale

Chieti. Si chiama ‘Spazio Mamma’ il servizio assistenziale attivato nell’ospedale di Chieti, presso il dipartimento di salute mentale, per dare alle donne in attesa il giusto ascolto al fine di prevenire o curare già ai primi sintomi la depressione perinatale fin dai primi mesi della gravidanza.

L’équipe sottopone le future mamme a screeening per far emergere segni predittivi e psichiatrici di depressione e individuare le categorie a rischio alto o moderato: la valutazione preliminare è fondamentale per poter instaurare interventi precoci mirati a curare la mamma e ridurre il danno da esposizione che può derivare al feto se la mamma sviluppa una depressione. La donna viene quindi accompagnata e monitorata per tutta la durata della gravidanza e fino alla nascita del bambino. “Il periodo perinatale che comprende il concepimento, la gravidanza, il puerperio e si protrae fino a un anno dal parto” sottolinea Silvia Fraticelli, psicologa, responsabile dello Spazio Mamma “è una fase cruciale per la salute mentale della donna con un rischio aumentato di sviluppo di disturbi psichici.

La depressione perinatale è un’epidemia globale che colpisce il 10-20% delle madri, con conseguenze negative che si ripercuotono sulla salute della donna, del partner e della prole. Occuparsi delle donne affette da depressione perinatale significa offrire un trattamento tempestivo ed efficace nell’alleviare i sintomi e che contemporaneamente metta il feto al riparo da gravi rischi a cui lo espone un episodio depressivo della madre. Perciò utilizzare specifiche metodiche di screening e adeguate strategie di assistenza terapeutica permette di raggiungere risultati soddisfacenti in termini di salute, ai quali il nostro Spazio Mamma guarda con grande interesse”.

Il progetto è promosso dalla Cattedra di Psichiatria dell’Università ‘D’Annunzio’ e dalla Clinica Psichiatrica dell’Ospedale ‘SS. Annunziata’ di Chieti.