The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

A Montesilvano è caos Tari: inviati duemila bollettini errati o con destinatari inesistenti

Montesilvano. E’ il caos A Montesilvano per il pagamento della seconda rata di Tari, duemila bollettini inviati sono errati e l’8% delle famiglie non ha ancora ricevuto le fatture. “La fretta di Maragno di riscuotere, entro il 31 dicembre scorso, la prima rata della Tari ha solo creato gravi disagi ai cunnamedittadini già pesantemente tartassati. Lo dimostrano i duemila bollettini non ancora arrivati a destinazione, l’8,33% del totale, poiché sbagliati. In pratica, si tratta di fatture con indirizzi errati oppure di destinatari inesistenti, quindi da correggere, e che saranno recapitati con notevole ritardo, costringendo in questo modo duemila montesilvanesi a dover saldare ben due rate per evitare penali. Un caos logorante, causato dall’incapacità organizzativa del Comune”. E’ quanto sostiene il consigliere comunale di Montesilvano Democratica, Paolo Rossi. “La mancata programmazione e la lontananza di Maragno dai veri problemi di Montesilvano hanno ridotto allo stremo una città che in queste settimane deve affrontare, tra tanti disagi, anche il salasso Tari – ha detto Rossi – Un fardello troppo pesante, ma il malessere dei montesilvanesi non è stato percepito nelle stanze del potere”. “Montesilvano democratica aveva proposto di far slittare a gennaio il pagamento della prima rata Tari per dare un po’ di respiro ai cittadini – ricorda il consigliere – La nostra proposta, però, ha incassato il veto di Maragno. Secondo l’assessore ai Tributi, era impossibile rimandare la riscossione poiché le entrate della prima rata Tari, circa 2milioni e 350mila euro, servivano a coprire il costo integrale del servizio di igiene urbana, senza penali causate da ritardi nel pagamento. I numeri, però, dimostrano una realtà diversa. Dei 24mila bollettini Tari complessivi, duemila non hanno ancora raggiunto le case dei montesilvanesi, quindi non solo questi cittadini sfortunati dovranno saldare ben due rate per evitare sanzioni, ma anche l’incasso effettivo al 31 dicembre è minore alle previsioni”. “Siamo di fronte a un nuovo fallimento di Maragno e la disastrosa gestione della Tari costringe i montesilvanesi a invitare la politica, sorda alle loro suppliche, a uscire fuori da Palazzo di città – conclude Paolo Rossi – per questo motivo, sabato, i cittadini scenderanno in piazza e noi di Montesilvano Democratica saremo al loro fianco”.