The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

A24-A25, Lolli: Governo corregga svista, o scenderemo piazza per opporci a questo tentativo di scippo

L’Aquila.  La mobilitazione della Regione a guida centrosinistra resta molto forte “sulla questione dei 200 milioni di euro sottratti dal governo giallo verde” al Masterplan Abruzzo per destinarli alla messa in sicurezza delle autostrade laziali ed abruzzesi A24 e A25, in particolare dei viadotti, tanto che il presidente vicario, Giovanni Lolli, ha invitato i parlamentari abruzzesi ad impegnarsi alla cancellazione “in sede di conversione in legge delle due righe del decreto Genova in cui si scippano fondi alla nostra regione per un intervento su una opera dello Stato per la quale deve pagare il Ministero per le Infrastrutture e Trasporti (Mit)”.

“Se il Governo nelle prossime ore non rimedierà a questo errore, l’Abruzzo, con tutte le sue articolazioni
e le sue espressioni, scenderà in campo per far sentire forte la sua opposizione a questo vero e proprio tentativo
di scippo”. Per Lolli resta confermato l’appuntamento di lunedì con parlamentari e forze sociali e sindacali
all’Aquila per promuovere ogni azione “perché il Governo Giallo verde corregga la svista che continua ad
essere difesa dal consigliere regionale abruzzese Marcozzi che antepone la convenienza politica alla difesa dei
cittadini”. Il punto su una vicenda che da giorni ha provocato polemiche anche a livello nazionale è stato fatto
in una conferenza stampa, oggi all’Aquila, tenuta dallo stesso Lolli, dal presidente del Consiglio regionale
Giuseppe Di Pangrazio, e dal direttore generale della Regione, Vincenzo Rivera. I tre, dossier alla mano, hanno
ribadito con forza che la Regione non ha autorizzato il Governo a sottrarre i 200 milioni dal fondo di sviluppo e
coesione di 753 milioni di euro assegnato all’Abruzzo, ma ha dato disponibilità a prelevare in prestito 45,7
milioni di euro, da restituire a breve e con un impegno ufficiale, dal Piano operativo Infrastrutture Mit, pari a
11,5 miliardi di euro, dal quale alla nostra regione sono stati riconosciuti circa 400 milioni di euro”.