The news is by your side.

A24 e A25, i sindacati proclamano uno sciopero nelle giornate di domenica e lunedì: possibili disagi ai caselli

L’Aquila. La Concessionaria autostradale Strada dei Parchi informa che le segreterie nazionali di Fit-Cgil, Fit-Cisl, Uil trasporti, Sla-Cisal e Ugl, hanno proclamato uno sciopero nazionale per i lavoratori e lavoratrici delle società concessionarie di autostrade e trafori per le giornate di domenica e lunedì. Potranno pertanto verificarsi disagi presso i caselli delle autostrade A24 (Roma-L’Aquila-Teramo) ed A25 (Torano-Pescara) nelle fasce orarie interessate dallo sciopero, ossia dalle 6 di domenica alle 6 di lunedì.

La Società Concessionaria evidenzia che il pedaggio autostradale è dovuto per legge pertanto saranno garantiti i servizi di assistenza e il funzionamento degli impianti automatici per il pagamento. Saranno regolarmente aperti (semaforo verde) i varchi Telepass e quelli con cassa automatica – in cui si può pagare sia con contante (le macchine danno resto), sia con carta di credito, Bancomat, Postamat o Viacard. Sulle autostrade A24 e A25 chi usa la carta Bancomat, Postamat o Viacard ai caselli non paga nessuna commissione bancaria e non deve digitare alcun codice personale. Basterà inserire la carta nella cassa automatica, che la restituirà dopo pochi secondi. Il pagamento del pedaggio sarà visibile sull’estratto conto che la banca invia al proprio cliente, ripetiamo senza nessun onere accessorio.

Durante lo sciopero, nelle ore di maggiore traffico, onde garantire le condizioni di sicurezza nella percorrenza dei tratti autostradali, anche chi non ha il Telepass potrà transitare sui “varchi gialli” dedicati al pagamento automatico e, seppure in assenza degli addetti alla riscossione del pedaggio, anche i varchi con pagamento solo manuale potranno essere aperti al traffico (con semaforo verde). In tali casi, le targhe delle auto saranno fotografate e, dopo qualche settimana, i proprietari dei mezzi riceveranno per posta un bollettino di pagamento che, senza aggravi, potrà essere pagato entro 15 giorni, decorsi i quali scatteranno le sanzioni.