The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Abruzzo: 1 maschio su 4 soffre d’infertilità, 1 su 3 di disfunzione erettile

L’Aquila. Soffrono di disfunzione erettile  35 uomini su 100, tra 40 e 50 anni, mentre il 25%, tra i 18 e i 39 anni, ha problemi di eiaculazione precoce.L’Abruzzo non fa eccezione  e rientra in questi dati, ricavati da report italiani ed europei. Percentuali molto alte, come confermano i medici, e che impongono controlli sui disagi sessuali maschili, soprattutto in termini di prevenzione. Alla luce di queste cifre, si coglie l’importanza dell’iniziativa dell’ospedale S. Salvatore di L’Aquila che, nell’ambito della campagna nazionale di prevenzione “Androlife’, promossa dalla Società Italiana  di Andrologia e Medicina della Sessualità (SIAMS), effettuerà visite gratuite. L’appuntamento in ospedale l'aquilaambulatorio, riservato a maschi d’età 18-35 anni,  è dal 5 al 9 maggio prossimi ma, ma, per fruire della consulenza gratuita nei giorni indicati, occorrerà prima prenotarsi, dal 19 al 23 marzo prossimi, chiamando il numero verde: 800100122.  Per le  visite negli ambulatori di Andrologia  non serve l’impegnativa del medico. Per l’occasione  il reparto del S. Salvatore metterà a punto una vera ‘task-force’ attivando 4 ambulatori. Obiettivi della campagna di prevenzione sono soprattutto l’infertilità  come pure il tumore del testicolo, altra patologia tipica del giovane adulto. “I dati nazionali ed europei”, dichiara il prof. Sandro Francavilla, che fa parte dello staff del servizio di Andrologia, “esprimono percentuali molto alte sull’entità del disagio sessuale maschile. 1 soggetto su 3 con disfunzione erettile, tra i 18 anni e i 39,  per fare un solo esempio, raccontano di un problema molto serio. Per questo la prevenzione diventa importantissima e da qui scaturisce  la nostra iniziativa a maggio, unica nella Regione. I maschi si controllano meno delle femmine e, oltretutto, non c’è più da molti anni la visita che si faceva col servizio militare che costituiva un controllo”. Andrologia: 37 su 100 da fuori asl e Regione. Nel 2011, andrologia di L’Aquila ha effettuato 7.213 prestazioni, di cui il 20% su utenti provenienti da altre Asl abruzzesi e il 17% da altre Regioni con una mobilità attiva del 37%. Dopo il sisma l’attività è andata progressivamente aumentando: dalle 4789 del 2009 alle 7.381 del 2013.