The news is by your side.

Abruzzo in lutto, dolore e cordoglio in tutta la regione. Ecco chi erano le tre vittime della montagna

L’Aquila. Giornata tragica sulle montagne con la morte di tre escursionisti in Abruzzo. Nella mattinata di ieri sul Monte Camicia del massiccio del Gran Sasso, a 2.200 metri di quota, è stato trovato il corpo di un 30enne, Matteo Martellini, di Città Sant’Angelo, scomparso da venerdì scorso, probabilmente scivolato nel corso di un’escursione in solitaria. Nel primo pomeriggio di ieri due persone sono precipitate a causa del ghiaccio sulla Maiella a 2.500 metri di quota. Particolarmente drammatiche le circostanze di quest’ultimo incidente avvenuto a Rava del Ferro, dove una comitiva di sei persone, tutti di località diverse ed esperte di montagna, era intenta a fare un’escursione organizzata sui social. Secondo il racconto di chi ha dato l’allarme una delle persone è scivolata sul ghiaccio e un’altra, nel tentativo di soccorrerla, è precipitata, finendo contro le rocce sottostanti: le vittime sono Gianpiero Brasile, 58 anni, di Lanciano, e Antonio Muscedere 55enne originario di Sora e residente a Posta Fibreno, in provincia di Frosinone.

Secondo il luogotenente della Guardia di Finanza, Paolo Passalacqua, comandante della stazione dell’Aquila del Soccorso alpino, “la montagna, soprattutto d’inverno, non è un videogioco, bisogna affrontarla dopo approfondite verifiche e con la adeguata preparazione fisica e tecnica: quando si commette un errore ci si può rimettere la vita, come è accaduto allo sfortunato escursionista”. “Per affrontare un percorso così impegnativo, lungo circa 16 chilometri”, parla riferendosi al 30enne di Città S.Angelo, “come quello che ha portato a questa tragedia, presuppone una preparazione fisica importante e una ottima capacità tecnica. Inoltre nella località in questione c’è neve e le previsioni non erano rassicuranti, sicuramente, qualcosa non è andato bene”. Nei giorni scorsi il Cnsas aveva diffuso i dati sugli interventi in montagna in Abruzzo con un aumento rispetto al 2018 del 25% nel periodo luglio-agosto e del 10% a settembre-ottobre. Gli interventi sono aumentati soprattutto per le voci che riguardano cadute e malori, che rappresentano il 50%.