The news is by your side.

Accordo tra Soprintendenza e Marrucino, la cultura per valorizzare patrimonio materiale e immateriale

Chieti. La Deputazione teatrale Teatro Marrucino di Chieti e la Soprintendenza Archeologia, belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo hanno firmato a Chieti, presente il sottosegretario al ministero per i Beni e le attività culturali Gianluca Vacca, un accordo di partenariato triennale che prevede, fra l’altro, l’organizzazione di seminari, convegni e mostre al teatro Marrucino e nelle sedi di Chieti della Soprintendenza, nonché incontri con attori, registi, scrittori e storici del patrimonio e dello spettacolo. Tra gli impegni anche l’allestimento di progetti per la promozione, valorizzazione e riqualificazione del patrimonio materiale e immateriale del Marrucino, la definizione di forme di riduzione, sostegno e integrazione del costo dei biglietti per gli spettacoli e gli accessi ai siti di interesse culturale, inclusa l’ipotesi di creazione di un Pass culturale unico.

L’accordo è stato sottoscritto nel foyer del Marrucino dal presidente del Cda del teatro Cristiano Sicari e dalla soprintendente Rosaria Mencarelli. Erano presenti anche il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, e il direttore amministrativo del teatro, Cesare Di Martino. “Questo accordo nasce nell’ottica di collaborazione fra
enti e istituzioni – ha detto Vacca – Per rilanciare un’istituzione culturale, che è una ricchezza per il territorio, non serve solo l’istituzione, ma la collaborazione di tutti. E noi ci siamo, il ministero favorisce e incentiva queste forme di partenariato.

Questo accordo è un punto di partenza ed è importante farlo vivere: il Marrucino è patrimonio della regione e nazionale”. Dal canto suo Mencarelli ha annunciato che il Marrucino, nell’ambito dell’accordo, il 21 e 22 settembre 2019 ospiterà la Giornate europee del Patrimonio con visite guidate ed eventi, nei mesi a seguire prevista una mostra dedicata al teatro. Fra gennaio e marzo 2020 il Marrucino ospiterà incontri con esponenti del mondo culturale che parleranno del teatro come luogo della cultura, della musica, della prosa, delle imprese culturali e dell’economia del territorio.