The news is by your side.

Addio lunghe attese agli Uffizi, arrivano i biglietti intelligenti “ammazza code” Made in Abruzzo

L’Aquila. Niente più code chilometriche, con attese fino a quattro ore, davanti la Galleria degli Uffizi e tutto grazie all’algoritmo che elimina le lunghe attese di stampo abruzzese.

L’algoritmo dell’innovativo sistema “ammazza code” che dal 2019 consentirà di visitare uno dei musei più visitati d’Italia è stato, infatti, elaborato da un team del Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione e Matematica dell’Università dell’Aquila, capitanato dal Professor Muccini (da Carsoli, AQ) e comprendente Gianluca Scatena, 24 anni, di Capistrello (AQ), Francesco Tarquini di Avezzano e l’aquilano (originario di Treglio, CH) Mirco Franzago.

Il sistema è basato su un tagliando intelligente, emesso da chioschi interattivi sotto il loggiato degli Uffizi, che al momento dell’arrivo del visitatore, gli assegna l’orario ‘giusto’ di visita nella giornata, quello cioè in cui, ripresentandosi all’ingresso, non dovrà attendere per entrare.

Con questo sistema made in abruzzo sarà possibile massimizzare la capienza del museo nel rispetto dei suoi vincoli strutturali e individuare con esattezza il momento in cui ‘dare appuntamento’ ai visitatori, analizzando una miriade di informazioni e confrontando i dati storici dei flussi nel museo con svariati altri parametri, tra i quali anche quelli meteorologici.