The news is by your side.

Aggredisce due persone e agenti intervenuti, questura emette provvedimento di espulsione

L’Aquila. Ilpersonale della squadra volante ha proceduto all’arresto di D. L. G., cittadino bulgaro di anni 34, senza fissa dimora, per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. La volante 1 è intervenuta presso il parcheggio del supermercato “Carrefour” in via Vicentini, dove l’uomo aveva colpito con due pugni al volto un addetto alle pulizie del supermercato,  con cui aveva avuto un diverbio, e successivamente un’altra ragazza, con un pugno allo zigomo destro senza un giustificato motivo. Gli agenti grazie alle descrizioni dell’abbigliamento fornite, hanno individuato l’uomo su via Vicentini, che correndo cercava di allontanarsi dal posto. Inseguito a piedi e raggiunto, l’uomo è stato bloccato a terra, nonostante cercasse di divincolarsi più volte per continuare la sua fuga, cominciando a procurarsi lesioni sbattendo più volte la testa sull’asfalto. questura l'aquilaL’uomo ha tentato, senza però riuscirvi, di mordere la mano sinistra di un poliziotto, cercando sempre di divincolarsi con mani e piedi e riuscendo ad afferrare solamente l’orologio dell’operatore, strappandolo dal polso e scaraventandolo a terra rompendolo. Poco dopo è giunto anche personale della Volante 2, permettendo quindi agli operatori di contenere lo straniero. A causa dello stato di agitazione in cui riversava l’arrestato, si è richiesto l’intervento sul posto di personale del 118 che ha trasportato il cittadino bulgaro presso il locale Pronto Soccorso per ricevere le cure del caso. Per quanto concerne i due agenti aggrediti, entrambi sono stati dimessi dal pronto soccorso con una prognosi di sette giorni. Lo straniero aveva diversi pregiudizi di Polizia, in particolare un Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di L’Aquila emesso in data  15.09.2010  dal Questore di L’Aquila, diverse denunce e una condanna per inottemperanza allo stesso, e un arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale da parte della Questura di L’Aquila. Mentre era in stato di arresto presso le camere di sicurezza della  Questura, l’uomo ha posto in essere atti di autolesionismo, colpendo con la testa le sbarre delle camere. Pertanto si è richiesto sul posto l’intervento del 118 che ha trasportato il cittadino bulgaro presso il locale Pronto Soccorso, dove è stato ricoverato. L’arresto è stato convalidato e, all’esito del giudizio direttissimo, lo straniero ha patteggiato una pena (sospesa) ad 8 mesi di reclusione per resistenza a pubblico ufficiale. L’ufficio immigrazione gli ha notificato un provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale al quale dovrà ottemperare entro 10 giorni.