The news is by your side.

Aggressione a Lanciano, si costituisce il 13enne: mi sono sentito minacciato, ho reagito

Lanciano. “Mi sono sentito minacciato e ho reagito tirando un pugno a Giuseppe Pio D’Astolfo, che poi è caduto a terra”. Il tredicenne indagato per lesioni gravi ha ammesso le sue responsabilità per il ferimento del 18enne lancianese, finito in coma all’ospedale di Pescara, ed è stato sentito ieri sera dai carabinieri di Lanciano dove si è presentato spontaneamente, accompagnato dal difensore Vincenzo  Menicucci, per fornire la sua versione dei fatti sulla violenta serata di sabato scorso all’ex stazione Sangritana di Lanciano.

A seguito della testimonianza del minore questa mattina è scattata una raffica di perquisizioni  domiciliari, disposte dalla procura di Lanciano, dove sono stati acquisiti anche i telefoni degli altri quattro indagati in concorso e alcuni loro famigliari per verificare l’attendibilità del racconto del tredicenne.