The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Al Saral Food 2019 uno show cooking sulla panificazione tutto dedicato ai giovani

Il 10 e l’11 marzo prossimi, Simona Lauri sarà protagonista e animatrice dello “Show Cooking della Panificazione”, che si terrà al Saral Food in programma a Pescara Fiere, organizzato da Fiesa Assopanificatori Confesercenti.

La dottoressa Lauri è una Tecnologa Alimentare di alto livello tecnico e scientifico, ma ama essere definita “Panificatrice artigiana” perché con e per il pane lei è cresciuta e si è qualificata. Simona Lauri è ormai affermata come consulente tecnico, perito, docente, maestro e formatore di Panificazione per Professionisti, Associazioni, Enti Nazionali ed Internazionali. Simona Lauri, giudice di gara nelle competizioni Nazionali e Mondiali, iscritta all’Ordine dei Tecnologi Alimentari e all’Albo dei Giornalisti Pubblicisti ha all’attivo numerose pubblicazioni scientifiche su portali, testate giornalistiche del settore ed è autrice di quattro libri sulla panificazione.

Un personaggio affascinante per gli appassionati dell’ “arte bianca” ossia l’insieme della scienza universitaria, delle tecnologie alimentari, dei processi per preparare pane, pizza e prodotti da forno, tutti componenti essenziali della tradizione gastronomica italiana.

L’attenzione dello Show Cooking sarà soprattutto per i giovani e per gli alunni dell’Istituto Alberghiero “E. De Panfilis” di Roccaraso (AQ) ai quali è riservato un ricco calendario di iniziative ed eventi: “I prodotti del panificio del futuro” e “Impariamo un’Arte”. I ragazzi metteranno le mani in pasta proprio per acquisire conoscenze e competenze in materia di panificazione. “ll pane che parla di se, della sua terra e della sua gente; il pane che unisce, che abbraccia e che ama. Personalmente ritengo che sia questa la prossima innovazione vera del futuro; un percorso sensoriale di abbinamenti che valorizzino le tipicizzazioni territoriali, le nicchie, il lavoro, le persone e le loro storie.” questa è la frase che Lauri vuole trasmettere agli studenti dell’alberghiero che saranno gli artigiani culinari del futuro.