The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Al via la rassegna letteraria ‘Una valle che legge’ ad Arsita, ospiti importanti autori del panorama regionale e nazionale

Teramo. Carla Tarquini, Valerio Valentini, Donatella Di Pietrantonio, Peppe Millanta, Mimmo Locasciulli e Santino Spinelli. Sono questi i nomi di ‘Una valle che legge’, la rassegna letteraria organizzata dall’associazione Altofino, con il patrocinio dei Comuni della Valfino, della Regione Abruzzo e del Corecom Abruzzo, che per la prima volta vedra’ convogliare ad Arsita, dal mese di ottobre 2018 a quello di marzo 2019, importanti autori del panorama regionale e nazionale. La prima edizione e’ stata presentata questa mattina nella corte interna della biblioteca regionale ‘Melchiorre Delfico’ di Teramo, alla presenza del presidente dell’associazione organizzatrice Caterina Cacciatore, del vicesindaco di Arsita Catiuscia Cacciatore e del consigliere regionale Delegato alla Cultura Luciano Monticelli.

“L’idea – spiega in proposito la Cacciatore – e’ quella di offrire alla comunita’ una riflessione intorno ad alcuni nuclei tematici che variano mensilmente e che riguardano l’uomo e il suo essere nel mondo. Una rassegna che promuove dunque il libro come compagno di viaggio, strumento di incontro, di riflessione comune, di socialita’ e occasione di conoscenza”.

Sei gli incontri in programma per quest’anno, durante i quali gli abitanti della Valfino potranno godere delle parole, tra gli altri, di ben due Premi Campiello e del Premio John Fante 2018. (AGI) (AGI) – Teramo, 23 ott. – “Dopo il successo di Donatella Di Pietrantonio – continua il presidente dell’associazione Altofino – ci e’ sembrato che i tempi fossero maturi per proporre un’iniziativa di questo genere e il primo pensiero e’ andato proprio al libro, da utilizzare come mezzo per mantenere viva questa nostra comunita’ unendo attorno ad esso ogni fascia di eta’, dai piu’ grandi ai piu’ piccoli. Quale occasione migliore per contrastare la pigrizia tipica della stagione invernale attraverso uno strumento che puo’ trasformarsi in occasione di promozione turistica del territorio?”.

Dello stesso avviso anche il consigliere regionale Delegato alla Cultura Luciano Monticelli, che durante la conferenza stampa ha sottolineato “la necessita’ di individuare format e strumenti per la promozione culturale e turistica di un territorio che convive ancora con le conseguenze degli eventi 2016/2017. Non dimentichiamo – precisa infatti Monticelli – che l’entroterra teramano ha dovuto fare i conti con un sisma e una nevicata eccezionali, che hanno causato, come immediata conseguenza, uno spopolamento di questi territori. Il nostro compito – conclude – e’ invece quello di mettere in risalto le tante cose belle che la nostra terra ha da offrire e innescare circoli virtuosi in grado di convogliare risorse. Il libro, in questo senso, riscalda i cuori e la mente e sembra entusiasmare tutti. Complimenti dunque all’associazione Altofino per aver dato vita a una rassegna che, ne sono certo, avra’ vita lunga e grande successo”.