The news is by your side.

Al via la terza edizione dell’Arrosticciere in piazza, la rievocazione storica della primitiva cottura degli arrosticini

Domenica l'evento a Civitaquana, ecco il programma

Pescara. Tutto pronto domenica a Civitaquana per la terza edizione dell'”Arrosticciere in Piazza”, la rievocazione storica dell’origine dell’arrosticino, ed in particolare della prima foto scattata nel 1930 da due antropologi svizzeri, della cottura tradizionale degli arrosticini, fatti con carne di pecora infilata su rametti di olivo o sanguinello, arrostiti tra due fila di mattoni. 

Ad ottobre del 1930, a Civitaquana, Comune del pescarese, durante una festa religiosa, sarebbe stata scattata la prima foto che immortalava la cottura tradizionale degli arrosticini, intitolata “L’arrosticciere in piazza”, stampata anche sulla copertina del libro “Gli Abruzzi dei Contadini” (1923 – 1930) della “Textus Edizioni” che raccoglie la documentazione fotografica degli studiosi svizzeri Paul Scheuermeier e Gerhard Rohlfs.
Alcuni anziani di Civitaquana, hanno riconosciuto nella signora che cuoce gli arrosticini e nel macellaio che taglia la carne, i nonni di Fabio e di sua sorella Tiziana Ginestrino e dei loro cugini Loredana e di suo fratello Claudio Ginestrino. La notizia sarebbe poi stata confortata anche dalle ricerche archivistiche effettuate dai nipoti.
Così, proprio per ricordare quell’evento avvenuto ben 89 anni fa ed immortalato in foto, la famiglia Ginestrino organizzerà  l’evento “L’Arrosticciere in Piazza”, patrocinato dal “Museo delle Genti d’Abruzzo” e dal Comune di Civitaquana col seguente programma: dimostrazione di arti e di mestieri del tempo, spettacoli folcloristici a cura della “Compagnia della Pescara”e Primitiva cottura degli arrosticini.