The news is by your side.

Maxi rogo allo stabilimento Adria, a fuoco tonnellate di pneumatici. Si teme per la nube

Sulmona. Fiamme alte e poi una nube di fumo denso e nero si è alzata per oltrSulmona (L'Aquila): incendio stabilimento Adriae 100 metri formando un fungo che ha invaso l’intera vallata. A fuoco migliaia di tonnellate di pneumatici esausti e triturati. Il vasto incendio si è sviluppato intorno alle 14.00 di ieri allo stabilimento Adria che tratta lo smaltimento di questi pneumatici, al confine tra Sulmona e Pratola Peligna (L’Aquila). È il secondo rogo in pochi giorni che interessa lo stabilimento. Ora si teme per l’inquinamento ambientale tanto che i sindaci dei due comuni hanno rinnovato l’appello ai cittadini di tenere chiuse le finestre delle case invitandoli anche a girare utilizzando le mascherine protettive. Sul posto l’assessore regionale all’Ambiente, Mario Mazzocca. “Sicuramente – ha detto – è una situazione che va monitorata in maniera continua e dettagliata. Ma dobbiamo anche rassicurare che al di là di alcuni aspetti particolari, gli organi competenti non ci hanno danno notizia di pericoli reali alla popolazione”. Al lavoro anche il personale dell’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta) per i rilievi e le misurazioni del caso. Il fungo di fumo nero con il vento si è diretto prima verso Pratola Peligna e Popoli poi ha cambiato direzione e ha interessato Sulmona, Valle del Sagittario e la zona pedemontana della Maiella e del Morrone. Sul posto diverse squadre dei vigili del fuoco, giunte da ogni parte della regione, volontari della protezione civile, polizia, carabinieri e corpo forestale, tutti hanno lavorato incessantemente per cercare di domare le fiamme. Le fiamme si sono sviluppate nello stesso punto del primo incendio, cosa che farebbe supporre una ripresa repentina del vecchio rogo. Ma non si esclude una nuova origine dolosa così come è successo la scorsa settimana tanto che sulla vicenda la procura della Repubblica di Sulmona ha aperto un’inchiesta. 

foto: (Ansa)