The news is by your side.

Apicoltore antico mestiere, fondamentale per la biodiversità: Cecilia Pace vince il prestigioso premio

Pratola Peligna. Cecilia Pace, titolare dell’azienda Apicoltura Colle Salera è tra le “giovani promesse del miele abruzzese“. Un prestigioso riconoscimento per lei, figlia di Walter Pace, storico fondatore di questa prestigiosa realtà nostrana che manda avanti con l’aiuto del fratello Flavio e della sorella Prisca, che non solo ne incensa le grandi qualità ma che attribuisce ulteriore valore a un settore, quello del miele, tanto affascinante quanto, per molti, ancora tutto da scoprire. E chissà che grazie a lei ciò non possa accadere.

Da questa edizione gli organizzatori hanno voluto assegnare ulteriori premi a giovani apicoltori riconoscendone il ruolo e la funzione sociale in termini di presidio e tutela del territorio oltre che di mantenimento di una attività antica e legata indissolubilmente alla natura.

“Sono davvero orgogliosa di questo prestigioso traguardo. E’ un mestiere davvero complesso, bisogna sapersi muovere. Occorre tantissima passione perché senza di essa non si regge il grande stress. E’ un antico mestiere, importantissimo per la biodiversità, per il sistema e per il mondo. Senza impollinazione, senza fiori e senza frutta finisce tutto. Una famosa massima recitava: ““Se le api scomparissero, all’uomo rimarrebbero soltanto 4 anni di vita””.

Il concorso per la selezione dei migliori mieli dei Parchi d’Abruzzo – nato dalla collaborazione tra i Parchi nazionali del Gran Sasso e Monti della Laga, della Majella e d’Abruzzo, Lazio e Molise e del Parco regionale Sirente Velino – ha selezionato anche quest’anno i mieli più pregiati prodotti all’interno delle aree protette abruzzesi.

Si tiene da due anni, si inviano i mieli prodotti all’interno dei parchi d’Abruzzo, senza etichetta e quindi anonimi che vengono assaggiati da una giuria composta da esperti in analisi sensoriale del miele, i quali danno giudizi in base alla presentazione del vasetto, dell’olfatto e del gusto che lascia il miele. Poi ci sono altri fattori come la percentuale dell’umidità presente nel miele. In base ai giudizi vengono assegnati i premi, millefiori e mieli particolari

L’apicoltore, attraverso il suo mestiere, aiuta ad avere una rimpollinazione delle piante e dei fiorellini, soprattutto in questo periodo storico dove l’uomo distrugge tutto. Far sì che ci siano questi pastori delle api è importantissimo. Ho rilevato l’azienda nel 2017 e ho sempre lavorato dietro le quinte. Studio costantemente, cerco di progredire nelle mie competenze e mi occupo anche del commerciale, ma anche del settore dei concorsi dove partecipo in prima persona. Tengo a precisare, però, che senza di mio padre non ci sarebbe l’attività. I miei fratelli sono stati, e sono, fondamentali in questo percorso, ma lui è la colonna portante.