The news is by your side.

Ricostruzione, stralciata la posizione di Picciotti. Il testimone: pagai 10mila euro per commessa scuola Bugnara

Pescara. Stralciata la posizione di Giampiero Piccotti, dal tribunale collegiale di Pescara, nell’ambito del processo con giudizio immediato sui presunti appalti pilotati nella ricostruzione post-terremoto a Bussi sul Tirino e Bugnara. Piccotti, uno degli imputati, è uscito di scena sulla base della perizia effettuata dal medico legale Ildo Polidoro che ha attestato l’incapacità dell’imputato “a prendere parte al giudizio”, a causa delle gravi condizioni di salute in cui versa. Nel processo, frutto di un’inchiesta dei carabinieri forestali, sono imputate 15 persone, con le accuse, a vario titolo, di associazione a delinquere, corruzione, concussione, turbativa d’asta, falso in atto pubblico e induzione indebita a dare o promettere utilità.

Oggi sono stati ascoltati i testimoni dell’accusa e Alberto Cirimbilli, imprenditore che ha patteggiato la pena in un procedimento parallelo, ha raccontato di avere “versato 10mila euro, in due tranche”, per ottenere l’appalto relativo ai lavori nella scuola elementare di Bugnara. Il danaro sarebbe stato consegnato nell’agosto e nel settembre 2013, in occasione di due pranzi a Sulmona (L’Aquila), a colui che si era qualificato come Antonio D’Angelo e che invece successivamente il testimone riconobbe come Antonio Ciccarini. Entrambi sono imputati. Al pranzo avrebbero preso parte altri due imputati, l’imprenditore umbro Stefano Roscini e l’ex capo dell’Ufficio per la ricostruzione numero 5 di Bussi, Angelo Melchiorre.