The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Armati di fionda e biglie sfasciano auto e vetrine e si vantano su Fb, presa banda

Teramo. Biglie lanciate con una fionda per sfondare parabrezza di auto in sosta e vetrine dei negozi, è stata presa la banda in Val Vibrata, nel Teramano. I carabinieri della stazione di Corropoli (Teramo) hanno denunciato tre persone: R. G. 28enne di Corropoli, P.R. 22enne di Tortoreto ed L.M. 28enne di Torano Nuovo, nel Teramano, sono accusati di danneggiamento aggravato continuato e furto aggravato in concorso. I tre vandali si contattavano attraverso i social network e poi si davano appuntamento in Piazza Italia al bivio di Corropoli da dove partivano le scorribande imperversando tra Corropoli, Nereto, Alba Adriatica e Tortoreto. I raid iniziati a settembre dello scorso anno, avevano dapprima interessato alcune autovetture in sosta a Nereto e nelle settimane successive avevano interessato anche Corropoli, prevalentemente la zonavetrina-rotta-meletani-3 del bivio, e poi Alba Adriatica e Tortoreto. Proprio a Tortoreto ad essere presi di mira invece erano gli stabilimenti balneari, ovviamente chiusi per il periodo inverale, ed alcuni esercizi pubblici dove sono stati messi a segno alcuni furti di bevande (bibite energetiche e gassate, alcolici, succhi di frutta, ed altro). In una circostanza, e’ stato accertato, che i tre avevano rubato un estintore nel parcheggio dell’Iper, nel centro commerciale Val Vibrata di Colonnella (Teramo) poi svuotato su un furgone parcheggiato a Corropoli. I tre per danneggiare i vetri delle auto e le vetrine dei negozi utilizzavano una fionda con le biglie. Proprio nei giorni scorsi, i carabinieri avevano individuato l’utilitaria, precedentemente segnalata dai cittadini, con i tre a bordo ed hanno proceduto all’identificazione ed alla perquisizione che ha consentito di trovare, sotto il sedile, la fionda ed alcune biglie, segno inequivocabile che i presunti autori dei danneggiamenti erano loro. I tre hanno ammesso le loro responsabilita’ facendo recuperare anche parte della refurtiva, del valore di circa 300 euro, asportata da alcuni esercizi commerciali di Tortoreto, poi restituita ai legittimi proprietari. I carabinieri inoltre, analizzando i cellulari dei tre, hanno avuto la conferma che gli stessi erano gli autori delle scorribande, anche perche’ commentavano i raid sul social network, vantandosi di essere riusciti a farla franca ed allo stesso tempo sono stati recuperati alcuni fotogrammi delle incursioni registrati dalle telecamere.