The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Arriva a Rivisondoli la spesa contadina, la prima fiera dei prodotti enogastronomici dell’Alto Sangro e Valle Peligna

L’Aquila. Si terrà il prossimo sabato 5 e domenica 6 ottobre, nelle Terme Alte di Rivisondoli, dalle 15 alle 18, e dalle 10 alle 20, la prima edizione de “La spesa contadina”, la fiera dedicata ai prodotti enogastronomici dell’Alto Sangro e della Valle Peligna ed anche del vicino Molise. L’evento, che è promosso dall’Associazione Roccaraso Futura in collaborazione con l’agenzia giornalistica “Comunicatio” con il patrocinio della provincia dell’Aquila  e del comune di Rivisondoli, vedrà la presenza di tanti produttori di formaggio, olio, miele, aglio, salumi e yogurt. Oltre 25 gli stand enogastronomici dove si potranno trovare tantissimi prodotti tipici delle regioni Abruzzo e Molise, proposti direttamente dai produttori che saranno a disposizione per spiegare metodi di lavorazione e materie prime utilizzate, oltre che per fare degustare le loro specialità più deliziose, presso gli stand sarà anche possibile effettuare piccoli o grandi ordini e acquistare i prodotti tipici per non perdere la possibilità di assaporarli anche a casa.

“I prodotti tipici dell’Alto Sangro e della Valle Peligna ed anche del vicino Molise”, spiega Alessandro Amicone, presidente dell’associazione Roccaraso Futura, “fanno parte del patrimonio della tradizione italiana e per questo la nostra associazione intende omaggiare questa tradizione dando ampio spazio a tutti i produttori artigianali, soprattutto quelli di piccole e medie dimensioni, per valorizzare uno degli elementi che più caratterizzano la nostra regione e il nostro territorio nel mondo”.

“C’è bisogno di fare rete e promuovere le nostre eccellenze”, aggiunge Amicone, “per dare un nuovo impulso al turismo anche nei periodi non invernali. Ci auguriamo che il prossimo anno aderiscano anche altri comuni del nostro territorio. La promozione di questa fiera”, conclude, “l’abbiamo puntata anche sui bacini delle grandi aree metropolitane come Roma, Napoli e Bari”.