The news is by your side.

Atti sessuali su una giocatrice di pallavolo minorenne, condannato ex presidente della società

Chieti. Il gup del Tribunale di Chieti, Andrea Di Berardino, ha condannato oggi con il rito abbreviato a un anno e dieci mesi di reclusione, pena sospesa e non menzione, Simon Brunn Schulte, 38 anni, all’epoca dei fatti presidente della Pallavolo Teatina, che milita nel campionato di seri B femminile.

L’uomo, imputato per violenza sessuale ai danni di una giocatrice che aveva 16 anni all’epoca dei fatti, era accusato di aver compiuto ripetutamente atti sessuali con la ragazza contro la sua volontà. I fatti risalgono al periodo compreso tra ottobre e dicembre del 2018: in due circostanze in particolare l’uomo avrebbe tentato di baciare la giovane, mentre in altre circostanze le avrebbe dato delle pacche sulle natiche.

Brunn, che l’anno scorso è stato radiato dalla Fivap, è difeso dagli avvocati Antonio Pimpini ed Elena Santarelli, ricorrerà in Appello. La vittima, assistita dall’avvocato Cristiano Sicari, non si è costituita parte civile.