The news is by your side.

Auto vendute con chilometraggio ridotto, arresti ad Ancona. Tra le regioni coinvolte anche l’Abruzzo

Gli affari fruttavano in 13 regioni: 2 le donne in carcere, 3 risultano irreperibili

L’Aquila. Tra gennaio 2017 e aprile scorso un gruppo criminale con base ad Ancona è riuscito a vendere in 13 regioni italiane 130 auto con revisione “appena fatta” alle quali era stato invece ridotto il chilometraggio, anche fino a 200mila km, grazie a una sofisticata attrezzatura: auto apparentemente in condizioni e a prezzi buoni erano in realtà “bidoni”. Tra le regioni coinvolte anche l’Abruzzo, contando 12 auto con contachilometri modificati vendute.

L’attività è stata stroncata con l’operazione “Chilometri zero” dai carabinieri di Ancona che hanno arrestato, per ora, due (ad Ancona e nel Vicentino) di cinque persone destinatarie di un ordine di custodia cautelare in carcere accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata a truffa e frode in commercio. In manette pure due donne di origine romena; altri tre indagati sono ricercati. La gang, come ricostruito dall’indagine coordinata dal pm di Ancona Daniele Paci, ha ottenuto profitti per 500mila euro: promuoveva le vendite sui maggiori motori di ricerca piazzando i mezzi a persone convinte di trattare con una vera concessionaria ad Ancona. Clienti da tutta Italia erano invitati presso le sedi anconetane di via via Di Vittorio e via Rossa per visionare le auto, incappando nel raggiro. Le auto con i contachilometri modificati, oltre all’Abruzzo, sono state vendute in particolare nelle Marche (71)  ma anche in Umbria (11), Emilia Romagna (11), Molise (9), Lazio (9), Toscana (8), Puglia (5), Veneto (3), Lombardia (3), Piemonte, Sardegna e Liguria (1). I carabinieri della Stazione anconetana di Brecce Bianche hanno analizzato centinaia di vendite: in molti casi il gap tra percorrenza reale e alterata era tale da rendere i mezzi pericolosi per incolumità dei passeggeri e circolazione stradale.

Le indagini si sono allargate a un’officina di revisioni che certificava costantemente l’esito positivo dei controlli sui mezzi risultati poi con chilometri scalati. I venditori sostenevano che le vetture fossero riconducibili ad unico proprietario benché in realtà fossero state in possesso di vari automobilisti. Responsabilità sono emerse anche per due agenzie di pratiche auto di Ancona che per gli inquirenti avrebbero favorito passaggi di proprietà falsificando gli atti.