The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Bacia il fidanzato, giovane inseguito ed insultato. Alessandrini: solidarietà a vittima di omofobia

Pescara. Inseguito e insultato da due persone a bordo di un’auto che lo minacciano e lo offendono per il suo orientamento sessuale. Protagonista dell’episodio, avvenuto a Pescara giovedì sera, all’indomani della Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia, è un giovane che stava tornando a casa in bici, dopo aver salutato il suo fidanzato con un bacio, sul lungomare della città adriatica. A denunciare la vicenda è l’Arcigay di Chieti. I due individui, racconta l’associazione, per cui, tra l’altro, il ragazzo è volontario, hanno assistito alla scena del bacio ed avrebbero subito iniziato ad urlare contro il giovane e ad insultarlo. Non contenti, dopo la prima serie di offese, lo avrebbero inseguito, superandolo e fermandosi più volte per aspettarlo, continuando ad insultarlo. Spaventato, il giovane ha evitato di tornare a casa, per non rivelare il suo domicilio. Mentre la vittima cercava di contattare i numeri di emergenza, il passaggio di una pattuglia delle forze dell’ordine ha messo in fuga le due persone. Il giovane ha poi deciso di sporgere denuncia: “si è recato sia in Questura sia dai carabinieri ­ afferma l’Arcigay ­ ma gli è stato risposto in entrambi casi che, poiché, a parer loro, non si configurava alcun reato, non potevano fare niente”.

Secondo l’associazione, che si è confrontata con l’avvocato Andrea Cerrone, dottore di ricerca in tutela dei diritti fondamentali all’Università di Teramo, il ragazzo “ha subito una vera e propria violenza privata”. Un reato, spiega il legale, “procedibile d’ufficio. Se è vero che l’ingiuria è stata depenalizzata ­ aggiunge l’avvocato ­ il fatto stesso che il giovane non sia potuto rincasare, a causa delle condotte minatorie dei balordi, configura un caso di scuola di violenza privata e non è escluso che si possano ravvisare anche altri reati. Una denuncia del genere andava raccolta senza se e senza ma”. L’avvocato Francesca Di Muzio, penalista e cultrice di criminologia e vittimologia, sottolinea che “il monito, in assenza di una legge ad hoc, è quello di continuare a denunciare al fine di creare dei precedenti giurisprudenziali che possano indicare la strada al legislatore”. Arcigay coglie l’occasione per “chiedere con forza che, analogamente a quanto ha fatto la Regione Umbria, anche l’Abruzzo si doti di una legge regionale volta al contrasto contro le discriminazioni e le violenze di genere determinate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere”.

“Pescara città dei diritti manifesta piena vicinanza e solidarietà al ragazzo vittima di comportamenti omofobici. Ho appreso con sconcerto della storia nella denuncia fatta dall’Arcigay a mezzo stampa, ma sono sempre più convinto del fatto che chi è titolare di pieni doveri deve anche essere portatore di pieni diritti, questo dice la nostra Costituzione e per questo ci siamo battuti affinché si arrivasse ad una legge in tal senso che è un traguardo finalmente varcato, importante per tutti. Ognuno di noi ha dunque il diritto di amare chi vuole, l’omofobia è solo espressione di comportamenti che sono fuori da una realtà che dopo anni di attesa e lotta si è evoluta e che rispetta e dà spazio ai sentimenti di tutti, nessuno escluso. Siamo stati fra le prime città d’Italia a chiedere la ratifica della legge sulle unioni civili e a prepararci all’istituzione del relativo registro perché venissero riconosciute e perché venissero celebrate in tutti i luoghi deputati dentro e fuori Palazzo di Città. Si tratta di passi avanti verso la civiltà, Pescara non tornerà indietro”.