The news is by your side.

Bagni irregolari e inquinamento sul Lago di Barrea, esposto della Soa

Barrea. La Stazione Ornitologica Abruzzese ha presentato un esposto sulla condizione del lago di Barrea, nel Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. La SOA segnala criticità in un fosso e balneazione irregolare, chiedendo un intervento per controlli sul depuratore di Barrea e su eventuali altri scarichi, nonché il divieto di balneazione. “Lago e fiume Sangro – dicono gli ambientalisti – nel territorio dell’area protetta sono lontani dagli obiettivi di qualità comunitari”. “Il lago – aggiungono – è un sito particolarmente protetto: è Parco nazionale, sito della Convenzione internazionale di Ramsar per la tutela degli uccelli, Sito di Interesse Comunitario e Zona di Protezione Speciale.

 

 

Un lungo elenco di strumenti di tutela che non sembrano porre al riparo la zona da criticità ambientali visto che il lago non rispetta gli obiettivi di qualità fissati dalla Direttiva europea 60/2000 “Acque”. I recenti monitoraggi dell’ARTA assegnano infatti al lago la categoria “sufficiente”. “Inoltre il fiume Sangro, nel tratto appena a monte, tra Pescasseroli e Villetta Barrea, è addirittura in uno stato peggiore, nella categoria “scadente”. “Sopralluoghi e ricerche WEB degli attivisti della SOA – concludono gli ambientalisti – hanno evidenziato l’esistenza di aree in cui viene effettuata la balneazione da molte persone nonostante queste criticità e nonostante il Lago non abbia tratti destinati alla balneazione, secondo quanto
stabilito dalla Regione Abruzzo”.