The news is by your side.

Blitz dei Nas al San Salvatore, farmaci scaduti e carenze. Presto una relazione al manager

L’Aquila. Blitz del Nucleo antisofisticazioni dei carabinieri all’ospedale San Salvatore dell’Aquila. Farmaci scaduti, bidoni colmi di rifiuti speciali lasciati incustoditi nei bagni di servizio aperti al pubblico, vie di fuga ostruite e un trolley utilizzato come carrello per il trasporto dei medicinali. Diverssan-salvatore0e le carenze, per la maggior parte strutturali, come locali inadeguati e vie di fuga ostruite dalla presenza di barelle e carrelli. Sull’esito degli accertamenti è stata rimessa un’informativa al sindaco dell’Aquila Massimo Cialente affinché adotti le misure necessarie al ripristino delle idonee condizioni strutturali. Nelle scorse settimane i militari del Nas di Pescara avevano già eseguito ispezioni analoghe in altri ospedali tra cui Pescara, Chieti, Avezzano e Tagliacozzo. “Non ho ancora preso visione dei verbali”, commenta il manager della Asl,Giancarlo Silveri, “ma le anomalie evidenziate dai Nas non riguardano aspetti legati alla gestione, quanto piuttosto alla situazione logistica in cui si trova il San Salvatore, dopo il sisma del 2009. Faremo fronte alle osservazioni mosse dai militari dell’Arma mettendo in regola ciò che, al momento, non lo è. Un passaggio fondamentale sarà l’apertura, entro luglio, del Delta chirurgico, che consentirà di recuperare ulteriori spazi da destinare a reparti di primo piano. Dei 400 posti letto attribuiti all’ospedale aquilano, al momento ne sono attivi soltanto 368, proprio a causa della ristrettezza degli spazi che non consentono la copertura totale della degenza”. Ma i Nas hanno accertato anche la presenza di farmaci scaduti: alcune confezioni di sostanze vitaminizzanti, non più utilizzabili da maggio scorso, e quattro flaconi di liquidi per infusioni, che riportavano sull’etichetta la scadenza giugno 2015.