The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Bocciata la legge per la ricostruzione, Pietrucci (Pd): l’hanno ostacolata nei modi più beceri

L’Aquila. “Il problema riguarda la copertura di carattere finanziario alla norma perché ci siamo trovati a cavallo delle elezioni regionali”. Così l’ex consigliere abruzzese del Pd Pierpaolo Pietrucci, primo firmatario della legge osservata dalla Consulta “L’Aquila Capoluogo: attraverso una ricostruzione, la costruzione di un modello di sviluppo sul concetto di Benessere Equo e Sostenibile – BES”, approvata il 24 agosto 2018 dal precedente Consiglio, quando alla guida della Regione c’era un’amministrazione di centrosinistra.

“Se c’è buona fede, mi auguro di sì, se si crede nella bontà di una legge che dia all’Aquila, come a Roma Capitale, un’aliquota aggiuntiva in virtù dello status di capoluogo di regione, si può ripresentare, risolvendo ed eliminando i difetti di natura tecnico-finanziaria che hanno determinato l’intervento della Consulta” prosegue Pietrucci. In tal senso, Pietrucci rivolge “un messaggio a tutti, anche vista la presenza importante di quattro rappresentanti in Consiglio regionale di diretta espressione del collegio aquilano, mentre nella passata legislatura ero solo a difendere e sostenere gli interventi di questo territorio”.

“A dicembre 2018 abbiamo trovato la copertura, bisognava riunire il Consiglio tra gennaio e febbraio 2019 per la copertura delle annualità 2020 e 2021. Cosa che non è stata possibile per le elezioni regionali fissate al 10 febbraio. La legge, purtroppo, è stata ostacolata nei modi più beceri, visto che l’ho presentata nel 2014 ed è stata approvata solo nel 2019” prosegue Pietrucci, non riconfermato a Palazzo dell’Emiciclo nonostante i 4.760 voti. “Ma il via libera alla norma, presentata insieme a quella per la Grande Pescara, è giunto all’unanimità”.