The news is by your side.

Bolivia: bus si ribalta muore aquilana e il compagno. Perde la vita anche giovane di Ancona

 

L’Aquila. Tragedia nella regione occidentale di Oruro, in Bolivia: tre turisti italiani, tra cui una donna aquilana, hanno perso la vita in seguito a un incidente che ha coinvolto un bus di turisti in ritorno dal deserto di sale Salar de Uyuni. Secondo le prime ricostruzioni, il pullman è uscito di strada mentre percorreva un’arteria a scorrimento veloce. Tra le cause dell’incidente, avvenuto alle 8.30 ora locale (le 15.30 di ieri in Italia) nella località di Challapata, a 290 chilomedownload (2)tri a sud di La Paz, ci sarebbe l’alta velocità. Nove le vittime accertate, tra cui tre connazionali e l’autista del mezzo. Le vittime, secondo la polizia locale, sono Rinalda Di Stefano di 50 anni, originaria dell’Aquila, ma residente a Roma, e geologa dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale, viaggiatrice appassionata, morta poco dopo il ricovero in ospedale. Franco Cembrian, 53 anni, romano, di professione tecnico audio-video, compagno della prima vittima, morto sul colpo. La terza vittima è Lorenzo Licciardi, 30 anni, di Marina di Montemarciano (Ancona), registrato in un primo momento fra i feriti. Figlio unico, idraulico in un’azienda di caldaie e appassionato di Kite Surf, con il viaggio in Bolivia aveva realizzato un sogno a lungo accarezzato e, al rientro, fissato per tutti al prossimo 7 settembre, sarebbe andato a vivere da solo con la fidanzata nell’appartamento acquistato dai genitori. “Ho un ricordo bellissimo, era una ragazza in gamba”. Così il sindaco di Cagnano Amiterno, Donato Circi, ricorda la concittadina Rinalda Di Stefano, geologa dell’Ispra, morta nel ribaltamento di un pullman di turisti in Bolivia, con il compagno, Franco Cembran, e altre sette persone. La donna si era trasferita nella capitale 25 anni fa ma tornava spesso a trovare la madre e le sorelle. “Per noi è una tragedia immane – prosegue Circi -. La mia intenzione è di dichiarare il lutto cittadino”.  La Farnesina sta svolgendo le verifiche del caso.