The news is by your side.

Bomba d’acqua, Marsica in ginocchio: due morti, strade allagate, scuole chiuse (Diretta)

 

E’ di due morti il bilancio della giornata di maltempo che ha duramente colpito la Marsica.  Una donna di 51 anni e’ morta a Civitella Roveto. Si chiamava Adonia Sabatini e, secondo le prime testimonianze accolte dai soccorritori, stava correndo verso casa quando il muro laterale ha ceduto e lei e’ rimasta sepolta da fango e mattoni. La donna e’ stata travolta e sepolta dal crollo del un muro di contenimento. E’ stata estratta dai Vigili del Fuoco, ma non c’era piu’ nulla da fare. “E’ stata una tragedia perché abbiamo sperato che potesse sopravvivere, all’inizio riusciva ancora a parlare”, così Raffaelino Tolli, sindaco di Civitella Roveto a Skytg24 nel commentare la tragedia.  Niente da fare anche per un uomo di Tagliacozzo, Giovanni Tolli, 67 anni, fulminato nella cantina allagata. Un corto circuito la causa del decesso.

In serata nel Comune di Canistro il fiume Rio Sparto, affluente del Liri, ha in piu’ punti straripato, provocando l’allagamento di numerose abitazioni. Anche qui molte persone sono state evacuate. Nella stessa Valle Roveto diverse frazioni risultano isolate. Problemi si registrano per una frana sulla strada della Casa di cura accreditata Ini (Istituto neurotraumatologico italiano) nel Comune di Canistro.

Anche domani la situazione sarà critica. In considerazione dell’evoluzione dei fenomeni meteorologici in corso e previsti, la Protezione civile ha aggiornato la valutazione di criticita’, e in Abruzzo questa diventa rossa per rischio idraulico nella Marsica.

Avezzano. Piove incessantemente dall’ora di pranzo, e la portata d’acqua come accade in queste situazioni non riesce ad essere supportata dai canali di scarico. I ponti sono stati i primi ad essere impraticabili ma la situazione più grave è in corso alla Silver Car dove l’azienda è totalmente allagata e i danni sono ingenti. Ad Avezzano l’area che collega i due depuratori, il nuovo e il vecchio, quello di Puzzillo, è completamente allagata e i campi sono invasi dall’acqua che tracima dalla fogna. Numerosi Tombini sono stati sollevati dall’acqua che esce a pressione e molte strade sono impraticabili. Diversi gli automobilisti rimasti intrappolati nell’acqua che ha allagato il sottopassaggio di via Pagani. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco di Avezzano. Visto il persistere delle condizioni metereologiche avverse il sindaco di Avezzano, Gianni Di Pangrazio, invita la cittadinanza a non uscire di casa, se non per urgenze, e di non percorrere i sottopassaggi. Presso il Palazzo Municipale è stato attivato il Centro Operativo Comunale. Numeri di telefono da contattare: 0863 501228 / 0863 501229

Tagliacozzo. Il sottopasso che collega la Giorgina con il centro è totalmente allagato e pericoloso visto che l’acqu è molto alta e cadendo nel sottopasso potrebbe diventare una situazione molto rischiosa. La Tiburtina, tra Villa San Sebastiano e Tagliacozzo, è allagata e la viabilità è bloccata. Solo alcune auto riescono a percorrere la zona. Al lavoro vigili del fuoco e protezione civile.

Carsoli. Desta apprensione quanto sta accadendo in zona Le Valli. Sin dal pomeriggio alcune autovetture sono rimaste bloccate sotto l’unico ponte che collega la zona residenziale alla Variante Tiburtina. Dopodichè il livello dell’acqua continua a crescere, e nemmeno i fuoristrada ora sono riusciti a passare. Sono circa cinquanta le famiglie che risiedono in questa area, ed ora dalle case non si può uscire e chi esce dal lavoro non riesce a tornare a casa. Alcuni preoccupati per le famiglie hanno lasciato le auto ai bordi della strada e sono passati a piedi sfidando la melma e l’acqua piovana, raggiungendo le abitazioni.  Sul posto ora  è intervenuta la Protezione Civile. Inoltre allagamenti copiosi si registrano anche nella zona delle case ex Iacp di via di Villaromana, dove il piazzale antistante ed il cortile condominiale sono impraticabili ed anche qui non si può ne entrare e ne uscire di casa, a meno che non si sia dotati di stivaloni ed impermeabili. Il fiume Turano è ingrossato a dismisura, si registrano in alcuni casi cedimenti di tetti, infiltrazioni di acqua piovana nelle case, allagamenti negli scantinati e nei garage seminterrati di alcuni palazzi. Si spera che le precipitazioni diminuiscano in intensità, poichè fortuna vuole che episodi simili siano abbastanza occasionali, ma ci si deve interrogare per bene sui rischi che si corrono con tali fenomeni. I Carabinieri di Carsoli stanno effettuando alcuni sopralluoghi nelle aree maggiormente colpite. La gente è comunque indignata. Il sindaco Velia Nazzarro ha disposto la chiusura delle scuole.

Civitella Roveto. Grave la situazione nella parte alta del paese. Delle persone si sarebbero radunate intorno a una griglia per riuscire a sboccarla e far drenare così l’acqua. Proprio in quel momento c’è stato uno smottamento e lungo la strada è arrivata una valanga di acqua e fango che ha invaso la strada. Tutti sono fuggiti per trovare riparo, una donna di 40 anni, però, sarebbe ancora dispersa. Sempre a Civitella si è verificato un crollo di un muro dovuto alla pressione dell’acqua. Le Forze dell’ordine sono già sul posto ma muoversi è difficile a causa delle condizioni meteo avverse.

Luco dei Marsi. Una frana alla Petogna ha interrotto la strada che collega Trasacco ad Avezzano. E’ franato un costone della montagna portando in strada detriti e fango. Molte auto sono state costrette a tornare indietro per una pericolosa frana alla “Cunicella”.

San Benedetto. Disagi anche nella zona del Fucino dove molti campi sono allagati, ma anche le strade interne dei comuni della zona, in particolare San Benedetto dove alcuni marciapiedi sono impraticabili. Il sindaco Quirino D’Orazio ha disposto la chiusura della scuola primaria e della scuola per l’infanzia per la giornata di domani.

Morino. E’ pronto con la pala e gli stivali per andare a pulire gli scantinati e le cantine allagate, ma vuole delle certezze per il domani. Il sindaco di Morino, Roberto D’Amico, è sul piede di guerra. Sta monitorando insieme ai cittadini la situazione ma è arrabbiato e soprattutto si sente abbandonato dalle istituzioni. “Sanno solo promettere ma poi ci lasciano soli”, ha commentato a caldo il primo cittadino, “noi stiamo ancora aspettando i soldi della neve, ma come si fa? Domani conteremo centinaia di migliaia di euro di danni. E chi paga? La Regione fino a ora ha solo promesso, a noi servono i fatti”. Desta molta preoccupazione, infatti, la situazione nel Comune di Morino e di tutta la Valle Roveto per il verificasi di diverse frane. In particolare una frana verificatasi sulla superstrada del Liri tra i Comuni di Morino e Castronovo, dove si viaggia su una sola corsia a causa del fango e dei detriti che hanno invaso il manto stradale.

Castellafiume. Situazione preoccupante anche a Castellafiume dove la pioggia incessante delle ultime ore ha fatto aumentare di molto la portata del fiume Liri. Sul posto i Carabinieri ed il sindaco Mariani che stanno monitorando la situazione da vicino poiché in alcuni punti il fiume rischia di rompere gli argini. Due le frane di lieve entità hanno interessato il paese, una in località bocciodromo nei pressi di un palo dell’enel dove mezzi e uomini sono al lavoro per rimuovere fango e detriti sul manto stradale, ed una in località ponte. Inondate anche le strade principali con numerose abitazioni ed interrati completamente allagati. “La situazione sembra si sia normalizzata, anche se la rete di raccolta delle acque bianche si dimostra ogni volta inadeguata al clima che evidentemente sta cambiando. I fenomeni come quello di ieri sono sempre più frequenti,  avremmo bisogno di fondi da investire per mitigare il rischio di allagamenti nel centro abitato, ma la triste realtà è che i comuni non hanno nemmeno le risorse per fare un’adeguata manutenzione dell’infrastruttura esistente” ha dichiarato il primo cittadino all’indomani della bomba d’acqua che ha colpito la Marsica.

Capistrello. A Capistrello grave la situazione in via dei Martiri. A causa degli allagamenti alcune famiglie sono state allontanate dalla propria abitazione. Un anziano ha accusato un malore ed è stato trasportato d’urgenza all’ospedale.