The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Calendario venatorio, Enalcaccia Abruzzo accanto a Federcaccia per la tutela dei cacciatori

Teramo. L’invito che facciamo a Giuseppe Olivieri, Massimo Sordini e Gabriella Piccinini – proseguono Cirese e Morelli nella loro nota – e’ quello di leggerlo affinche’ si rendano conto che Federcaccia tutela la caccia e i cacciatori nel rispetto delle leggi, della costituzione, dell’ambiente e della fauna. Un punto non meno importante che vogliamo suggerire ai responsabili provinciali di Enalcaccia, Libera Caccia e Arcicaccia e’ quello di informarsi su quelle che sono le posizioni dei loro organismi regionali, che sono perfettamente in linea con quelle di Federcaccia e che sono state ufficializzate nella Consulta regionale di aprile scorso.

In quell’occasione e’ stato aspramente criticata la bozza di calendario venatorio presentata alla Consulta dall’assessore Dino Pepe e all’unanimita’, con agricoltori, ambientalisti, rappresentanti dei parchi e Province, hanno chiesto ed ottenuto che l’Ufficio Caccia Regionale adeguasse il Calendario ai suggerimenti di tutti i consultori. Sempre all’unanimita’ dei consultori fu chiesto all’assessore Pepe di assumere l’impegno di riportare in Consulta il Calendario definitivo. Mai promessa fu piu’ disattesa – prosegue la nota – la Consulta non e’ stata piu’ convocata, e quindi l’attuale calendario venatorio e’ privo del parere dovuto e pertanto illegittimo.

I rappresentanti provinciali delle tre associazioni hanno preso le distanze non da Morelli o da Federcaccia, loro hanno rotto definitivamente il collegamento con le caccia e i cacciatori. Ci e’ parso giusto chiarire la posizione di Federcaccia ed Enalcaccia alla luce di voler tutelare i diritti dei cacciatori e non, come asserito da qualcuno, di voler fare politica. Politica lagna chi vuole fare da sponda all’assessore Pepe, a prescindere dalla tutela della caccia e dei cacciatori.