The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Cani e gatti sterilizzati in maniera irregolare, assolti i 3 imputati accusati di peculato: il fatto non sussiste

Teramo. Si è concluso con l’assoluzione di tutti gli imputati perché il fatto non sussiste il processo per peculato che vedeva imputati, davanti al Tribunale di Teramo due dirigenti dell’Istituto Zooprofilattico e il presidente della sezione teramana della Lega del cane, finiti davanti ai giudici nell’ambito di un’inchiesta sulle sterilizzazioni, da parte dell’istituto, di cani e gatti del canile di Gattia.

Davanti ai giudici, per quell’accusa, erano finiti Paolo Dalla Villa, nella sua veste di allora dirigente veterinario responsabile della struttura relazione uomo animale dell’Izsam, Nicola Ferri, in qualità di allora dirigente veterinario responsabile del laboratorio Libita, e Catia Durante, in qualità di presidente locale della Lega nazionale della difesa del cane. Secondo l’accusa i tre “al fine di appropriarsi delle risorse economiche dell’Istituto Zooprofilattico di Teramo”, come veniva contestato loro nel capo di imputazione, “determinavano fraudolentemente ed in assenza di qualsivoglia disposizione normativa, in capo a quest’ultimo i costi derivanti sia dalla sterilizzazione di cani e gatti di proprietà della Lega o ad essa facenti capo, sia dallo smaltimento di rifiuti e liquami”.

I fatti contestati ai tre risalgono ad un periodo compreso tra il 2006 e il 2013, con Ferri, difeso dall’avvocato Cataldo Mariano, che in relazione a questa vicenda era stato interessato sia da un procedimento della Corte dei Conti che da un procedimento amministrativo da parte dell’istituto, che si sono risolti entrambi a suo favore stabilendo che non avesse commesso alcun tipo di reato. Nel corso del processo è emerso come il canile, in cui la Lega operava
legittimamente con i propri volontari, ospitasse cani di competenza del Comune di Teramo e come le
sterilizzazioni venissero effettuate nel pieno rispetto di leggi e convenzioni.