The news is by your side.

Caramanico, si costituiscono parte civile i familiari dei due coniugi morti nel fiume Orta

Pescara. Si sono costituiti parte civile, tramite gli avvocati Arnaldo e Francesco Tascione e Giuliano Milia, i familiari dei coniugi 32enni di Scerni (provincia di Chieti), morti nel fiume Orta, nel comune di Caramanico, in provincia di Pescara, il primo maggio del 2017. I tre legali, questa mattina davanti al gup del tribunale di Pescara, hanno inoltre chiesto di essere autorizzati a citare, come responsabili civili, il Comune di Caramanico e l’ente Parco Nazionale della Maiella. Al riguardo il gup Nicola Colantonio comunicherà la propria decisione nell’udienza del 30 maggio prossimo.

Per questa vicenda la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio, con l’accusa di omicidio colposo, del sindaco di Caramanico Simone Angelucci e del direttore del Parco Nazionale della Maiella Oremo Di Nino. A giudizio dell’accusa, infatti, i coniugi Silvia D’Ercole e Giuseppe Pirocchi, entrambi scivolati e deceduti nel fiume, non commisero alcuna imprudenza, mentre sarebbero emerse gravi responsabilità omissive legate al mancato segnalamento del pericolo e all’assenza di transenne o recinzioni.