The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Caso Maxim, il tribunale dei minori non conosceva i disturbi del papà adottivo

Pescara: l'arrivo della bara di Maxim Maravalle nella Chiesa del Sacro Cuore di Gesù per il funeralePescara. Dal fascicolo del Tribunale dei minori dell’Aquila sull’adozione del piccolo Maxim, il bimbo di 5 anni ucciso nei giorni scorsi a Pescara dal papa’ adottivo, Massimo Maravalle, di 47 anni, non emergerebbe nulla circa il disturbo psichiatrico di cui era affetto l’uomo da anni e per il quale era in cura. Il fascicolo che riguarda l’adozione del piccolo e’ stato recapitato oggi alla Procura della Repubblica di Pescara che sta coordinando le indagini, condotte dalla squadra mobile, sull’omicidio del bimbo. Nella notte, mentre dormiva nel suo letto, il papa’ adottivo lo ha soffocato, in preda ad un raptus, come lui ha ammesso poco dopo di fronte agli agenti della squadra volante. Negli atti sull’adozione in possesso del Tribunale dei minori non ci sarebbero certificati che attestano la patologia dell’uomo, cioe’ un disturbo psichiatrico atipico che lo portava ad assumere dei farmaci. Emergerebbe invece che prima dell’adozione il bambino sarebbe stato tolto alla madre perche’ ritenuta non idonea e rifiutato dal padre, che era separato dalla moglie. Mai nessuno della famiglia, contrariamente alle notizie circolate nei giorni scorsi e rimbalzate in Italia dalla Russia, avrebbe chiesto informazioni sul piccolo, che aveva due fratelli piu’ grandi, di cui uno maggiorenne. Inoltre in piu’ occasioni sarebbe stata proposta la sua adozione a cittadini russi ma mai nessuno avrebbe accolto il piccolo in casa. Il bimbo e’ arrivato in Italia nel 2012. Il pm che si sta occupando del caso e’ Andrea Papalia. Le indagini sono affidate alla squadra mobile, diretta da Pierfrancesco Muriana.