The news is by your side.

Caso Naiadi di Pescara, Cgil: preoccupati per il futuro dell impianto, i lavoratori vogliono risposte certe

Pescara. Assemblea, questa mattina, di dipendenti e collaboratori che lavorano alle piscine ‘Le Naiadi’ di Pescara per conoscere il loro futuro alla luce della scadenza fissata al 31 marzo dell’affidamento temporaneo della struttura, da parte della Regione Abruzzo, alla Progetto Sport Gestione Impianti. “C’è preoccupazione”, spiega il segretario provinciale della Cgil Pescara, Luca Ondifero, “siamo qui con lavoratori dipendenti, collaboratori e istruttori che, essendo stato presentato un ricorso al Tar dall’attuale gestore, su cui siamo in attesa di una pronuncia che non sappiamo quando arriverà, vogliono avere risposte certe, perché non si sa cosa accadrà dopo il 31 marzo”.

“Per noi la priorità”, continua il sindacalista, “è che questi lavoratori, siano essi dipendenti o autonomi, continuino a lavorare per le loro competenze. Non è solo una questione legata all’occupazione, ma anche una questione legata all’impianto sportivo della città di Pescara, per la sua storia e la sua importanza e su cui riteniamo che le istituzioni debbano intervenire, per rilanciare la struttura stessa nel suo contesto complessivo”.

Sui problemi degli ultimi giorni – l’acqua delle piscine fredda per problemi agli impianti delle caldaie e lo stop alle attività agonistiche – il segretario provinciale della Cgil aggiunge che “pgni giorno si dice che il giorno dopo la caldaia riparte e che gli impianti torneranno a funzionare, ma ci sembra che ad oggi l’acqua è fredda, perché evidentemente non è ripartita la caldaia e quindi si svolge una limitata attività agonistica. Ma ci sono stati problemi nelle ultime settimane e negli ultimi mesi per cui, rispetto alla manutenzione chiediamo che la Regione chiarisca, così come il gestore. Comunque qualcuno deve farsi carico di questa situazione”.