The news is by your side.

Chieti, no ai bus per i centri commerciali: Fi boccia proposta suo assessore, esulta la Confcommercio

Chieti. Il Consiglio comunale di Chieti ha bocciato, con 8 voti a favore e 15 contrari, il provvedimento contenente la proposta di modifica del percorso di alcune linee del trasporto pubblico urbano che, attraverso una rimodulazione di orari e corse, avrebbe permesso ai bus urbani di raggiungere anche due centri commerciali cittadini, Megalò e Centauro. Il provvedimento ha trovato il voto contrario, oltre che della minoranza, dei consiglieri di Forza Italia, partito quest’ultimo che in Giunta è rappresentato anche dall’assessore all’Urbanistica e Trasporti, Mario Colantonio, il cui settore ha elaborato la proposta. Un voto che potrebbe avere ripercussioni anche di carattere politico. “Questo è un atto illustrato dettagliatamente, a cui sto lavorando da luglio, è andato più volte in commissione e non ha subito alcun malessere”, ha detto Colantonio, “non è una linea che viene modificata, è un riordino delle linee che prendono atto di alcune presenze sulla nostra città che sono consolidate e hanno necessità anche di servizi: il Villaggio del Mediterraneo, l’estensione del passaggio della linea 1 barrato all’interno di Megalò e l’estensione della linea 7 all’interno del Centauro che vede al suo interno anche un istituto di formazione professionale”. Colantonio ricorda di essere stato il più votato di Forza Italia, il secondo votato in città, da due legislature e, quanto a un possibile cambio di casacca conclude: “Sono opportunità che ognuno ha, dovrò riflettere perché da certa politica non ho più alcuno stimolo. Faccio l’amministratore da 24 anni, sono stato più volte eletto in due contesti cittadini, quindi per me è indifferente, ho anche il mio lavoro, non ho solo la politica”.

Confcommercio Chieti esulta dopo la bocciatura da parte del Consiglio comunale della delibera che estendeva il trasporto pubblico locale verso i centri commerciali della città. E ringrazia “i consiglieri comunali che trasversalmente, al di là del colore politico, hanno dimostrato senso di responsabilità e coerenza in aula votando ‘no’ a una delibera contraddittoria”, dice Marisa Tiberio, presidente provinciale Confcommercio Chieti, “e oltremodo penalizzante per i negozi di vicinato della città, peraltro a ridosso delle festività natalizie”. Secondo Tiberio “i commercianti in questo difficile momento storico sono poveri di denaro e ricchi di fosforo. Di conseguenza avranno modo di ricordare, quando si tornerà alle urne, chi non ha avuto considerazione di una categoria allo stremo delle forze. Non è nostra intenzione creare più confusione di quanto non se ne sia già generata in questi anni in tema di commercio, per questo chiediamo a gran voce che si dia seguito in fretta al nuovo piano commercio senza aspettare la vigilia delle elezioni”.