The news is by your side.

Chieti, oggi l’intervento del sindaco Di Primio all’assemblea annuale Anci, aperta ieri dal presidente Mattarella

Chieti. Il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, in qualità di vicepresidente nazionale ANCI e delegato alla pubblica amministrazione, politiche del personale e relazioni sindacali, già da ieri sta partecipando alla 36esima assemblea annuale ANCI, intitolata “Ascoltare. Decidere. Migliorare”, in programma ad Arezzo dal 19 al 21 novembre 2019.

L’assemblea si è aperta ieri pomeriggio alla presenza del presidente della repubblica, Sergio Mattarella, e ospiterà gli interventi dei rappresentanti del governo e di un’ampia compagine di parlamentari, amministratori, parti sociali e stakeholder. L’intervento del sindaco Di Primio è previsto, nello specifico, oggi alle 16, alla presenza del ministro alla pubblica amministrazione, Fabiana Dadone, e avrà come titolo “La comunità è la risposta”.

“Tutti gli indicatori economici e sociali sono concordi nel mostrare, nel nostro Paese, una società fragile in cui le disuguaglianze si acuiscono e cresce il rischio di atomizzazione” afferma ANCI. “L’impegno di sindaci e amministratori locali deve andare nella direzione di una trasformazione della società, della costruzione delle condizioni per l’esercizio delle responsabilità individuali verso gli altri, verso l’ambiente, verso i beni comuni”.

“Il titolo dell’assemblea di quest’anno, “Ascoltare. Decidere. Migliorare”, descrive l’azione quotidiana dei sindaci, i verbi che scandiscono la giornata degli amministratori locali” continua ANCI. “Come da tradizione, l’assemblea sarà un’eccezionale occasione di confronto tra enti locali e governo nazionale sui temi di maggiore attualità. Si rifletterà intorno al concetto di comunità: le comunità amministrate, delle quali i primi cittadini se ne occupano tessendo ogni giorno una rete e ricucendo quando necessario strappi e ferite; le comunità formate dalle famiglie con i loro bisogni, le istanze e le aspirazioni”.

“Ad Arezzo si partirà proprio dall’esperienza dei sindaci, dallo scambio di buone pratiche, da un confronto – animato non solo dai dibattiti ma anche dalle testimonianze di imprenditori e intellettuali, osservatori e analisti – sui numerosissimi temi di cui un amministratore locale deve occuparsi: economia e lavoro, ambiente, salute e cultura, sempre coltivando un’indispensabile autonomia” conclude ANCI.