The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Chiusura punti nascita, oggi l’udienza del Tar dell’Aquila. Ancora proteste all’Emiciclo

L’Aquila. E’ prevista per oggi l’udienza del Tar dell’Aquila sulla sospensiva legata al ricorso del Comune di Atri (Teramo) contro il decreto del commissario per la sanità ed il presidente della regione, Luciano D’Alfonso, che ha sancito la chiusura di quattro punti nascita, Atri, Penne (Pescara), Ortona (Chieti) e Sulmona (L’Aquila) “perché con menoprotesta emiciclo pinti nascita di 500 parti l’anno e non sicuri”. Lo ha reso noto lo stesso sindaco del comune del Teramano, Gabriele Astolfi, ieri era presente fuori palazzo dell’Emiciclo, sede del consiglio regionale, per protestare contro la chiusura con i rappresentanti dei comitati delle altre tre città. I comitati hanno manifestando anche con l’esposizione di cartelloni e striscioni. A protestare anche rappresentanti del movimento cinque stelle. Una chiusura già programmata, quella di Atri, conseguenza delle disposizioni del tavolo di rientro del deficit sanitario a cui è sottoposto da anni l’Abruzzo. I cittadini si sono intrattenuti con i consiglieri di Forza Italia Lorenzo Sospiri, Muro Febbo, Paolo Gatti ed Emilio Iampieri. Una delegazione ha presenziato anche ai lavori della seduta del consiglio regionale. “Abbiamo fiducia nel pronunciamento del Tar; il punto nascita di Atri dove nascono oltre 500 bambini rispetta 53 parametri su 54 con quest’ultimo che non è un parametro, ed insiste su una infrastruttura molto sicura” spiega il sindaco. “Ho spiegato queste cose in commissione sanità ma nessuno ha risposto alle mie domande”.