The news is by your side.
10M
10M 2

Chiusura traforo Gran Sasso, Strada dei Parchi: incontro positivo, ora si lavora per una soluzione

Mit: al lavoro per soluzione su acqua e traffico, sarà nominato Commissario ad hoc

L’Aquila. Un incontro positivo. Così Strada dei Parchi definisce l’incontro al Mit sul traforo del Gran Sasso. “I rappresentanti del ministero”, spiegano dalla società, “hanno ben compreso i problemi legati alla vicenda processuale di SDP e dei suoi rappresentanti in ordine ai rischi di possibile inquinamento e della convivenza sotto il Gran Sasso con il laboratorio. Situazione che ha portato la concessionaria Strada dei Parchi ad annunciare il provvedimento di chiusura delle gallerie”.

“Da domani”, proseguono, “si lavora per costruire una soluzione che sollevi la concessionaria dai problemi in ordine ai rischi di reiterazione del reato. Con gli altri ministeri interessati, il Miur per laboratori e Ministero Ambiente e Regione per i problemi legati all’acquifero, il Ministero Infrastrutture e Trasporti studierà una soluzione che porti ad intervenire in tempi rapidi”. Nel corso della riunione si è ragionato e approfondito il tema dei poteri che dovrà avere il commissario che il governo intende nominare all’interno del decreto Sblocca Cantieri attualmente all’esame del Senato. Alla riunione la delegazione di Strada dei Parchi era guidata dall’amministratore delegato Cesare Ramadori e il vice presidente Mauro Fabris. Per il ministero infrastrutture e trasporti erano presenti il direttore generale Felice Morisco e il capo di gabinetto Gino Scaccia.

L’incontro al Ministero delle Infrastrutture di oggi pomeriggio è stato un “primo, costruttivo tavolo per arrivare a una soluzione che scongiuri la paventata chiusura totale del Traforo del Gran Sasso e per risolvere, al tempo stesso, il problema del rischio inquinamento delle falde acquifere”. Lo afferma il Mit al termine della riunione con i vertici della Strada dei Parchi.

“Nella consapevolezza della complessità della questione”, il Ministero assicura che coinvolgerà tutti i soggetti interessati e tutti i livelli istituzionali, “in modo da raggiungere sia l’obiettivo di breve termine, ossia il mantenimento in esercizio delle gallerie autostradali, sia quello di lungo termine, quindi la messa in sicurezza definita degli acquedotti”.

“Non a caso”, precisa, “è prevista una modifica al decreto Sblocca cantieri con cui sarà nominato un Commissario straordinario incaricato di sovraintendere alla progettazione, all’affidamento e all’esecuzione degli interventi necessari per la messa in sicurezza del sistema idrico”. In breve tempo il Ministero, “stanti le responsabilità di tutte le amministrazioni coinvolte, sarà in condizione di fornire precise e puntuali informazioni al Parlamento sul dossier”.