The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Cialente si scusa con Napolitano: ho riconsegnato la fascia tricolore per disperazione

L’Aquila. Dopo essere stato protagonista di lettere anche critiche e di gesti eclatanti quali la restituzione in Quirinale della fascia tricolore, il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente scrive una lettera di scuse al presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano. “Intendo scusarmi pubblicamente con lei – si legge nella missiva – se in alcuni momenti, spinto da un sentimento di lacerante solitimageudine, di disperazione e di difficolta’ tali da mettere a rischio la ricostruzione della citta’ e quindi il futuro della mia Comunita’, trovandomi costretto ad assumere posizioni a volte eccessivamente forzate di protesta, indirettamente l’ho coinvolta. Le posso pero’ assicurare, con profonda sincerita’, che mai, in nessun momento, e’ venuto meno il mio profondo rispetto istituzionale per lei e’ la sua alta figura istituzionale. Porto nel mio cuore – prosegue Cialente – il ricordo del giorno in cui lei, in una delle tante visite della quali ci ha onorato in questi anni, dinanzi alla Basilica di Collemaggio, nel momento in cui la salutavo, confessandole ancora una volta le mie preoccupazioni, interpretai come un gesto di affetto non solo nei miei confronti ma anche nei confronti della mia comunita’ le sue parole di incoraggiamento e la carezza che lei mi fece. Quasi paterna. Quel suo gesto – sottolinea Cialente nella lettera a Napolitano – mi ha sempre dato conforto e consapevolezza di poter contare su una solidarieta’ che andava oltre il suo ruolo istituzionale. E’ per questo che spesso mi sono permesso di scriverle riservatamente lettere nelle quali le esprimevo le mie preoccupazioni ed i miei dubbi”. “Interpretando lo spirito dell’intero Paese – scrive ancora il primo cittadino – anche io voglio ringraziarla per quanto da lei fatto, nel supremo interesse dell’Italia, in questi nove anni di Presidenza della Repubblica, durante i quali ha quotidianamente testimoniato il senso dell’unita’ della nostra comunita’ nazionale, la difesa della Costituzione e soprattutto tutelato l’immagine del nostro Paese di fronte alla Comunita’ internazionale. Tutto cio’ negli anni in cui sul nostro Paese si abbatteva una crisi che io ho visto come crisi non solo economica, ma anche politica, istituzionale e morale. Ma un ringraziamento particolare, a nome di tutte le aquilane e gli aquilani lo porgo come sindaco. La ringrazio perche’, sin dalle prime ore di quella tragica mattina del 6 di aprile 2009 sappiamo che ella ha seguito la nostra tragedia, comprendendo appieno la sua enormita’: il dramma di una citta’ capoluogo di regione, ricca di storia, monumenti, nella quale viveva serenamente una comunita’ viva e ricca di giovani studenti, completamente distrutta. Sappiamo quante volte lei, silenziosamente, ha monitorato le vicende spesso contraddittorie che hanno caratterizzato la fase dell’emergenza e di una ricostruzione a volte difficilissima. Nel chiederle ancora scusa con profonda gratitudine, rispetto, stima e, mi consenta, affetto – si legge infine nella lettera del sindaco Massimo Cialente – la ringrazio ancora e le auguro di poter tornare, da senatore a vita, al suo alto ed utilissimo per noi, impegno politico”.