The news is by your side.

Ciclismo, Giulio Ciccone positivo al Covid: questo maledetto virus mi ha travolto e steso

Foto: Italia Team

Chieti. “Sto vivendo un momento difficile e molto complicato. Questo maledetto virus mi ha travolto e steso. Ora che arrivavano tre appuntamenti fondamentali, come Tirreno-Adriatico, Mondiale e Giro d’Italia, mi ritrovo a dover pensare a guarire e a interrompere fino a chissà quando la mia attività”. Comincia così il post su Instagram di Giulio Ciccone, corridore della Trek, la stessa squadra di Vincenzo Nibali. Il ciclista, originario di Chieti, vincitore della classifica degli scalatori al Giro dell’anno scorso, è recentemente risultato positivo al Coronavirus. Perciò, dovrà saltare la Tirreno, il Mondiale su strada a Imola e il Giro d’Italia, che scatterà il 3 ottobre da Monreale.

“Non è facile accettare tutto questo, dopo tanti sacrifici e rinunce” spiega Ciccone. “E non è facile soprattutto vivere la realtà che mi circonda, per il bene dei miei cari. Un grazie di cuore a tutti quelli che mi sono stati vicini. Io sono uno che non molla mai, lo sapete, ma ora più che mai l’affetto di amici e tifosi mi aiuta a guardare avanti”.

Il capitano della Trek, Vincenzo Nibali, è rammaricato “per l’assenza di Giulio”. “È pesante, non posso nasconderlo” afferma. “È tra i migliori scalatori in circolazione, un elemento essenziale: non solo per me, ma anche per l’intera squadra. Oltre che dal punto di vista sportivo sono molto dispiaciuto sotto il profilo umano. Voglio solo augurargli di stare bene e di guarire, innanzitutto, con la speranza di ritrovarlo presto al mio fianco”.