The news is by your side.

Circolo di Teramo del Partito della Rifondazione Comunista partecipa alla celebrazione del Giorno della Memoria

Teramo. Questa mattina una delegazione del Circolo di Teramo del Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea ha partecipato alla celebrazione del Giorno della Memoria organizzata a Teramo dall’ANPI e dall’Associazione ‘Teramo Nostra.

I militanti di Rifondazione Comunista, con il segretario cittadino Mirko De Berardinis, hanno preso parte con le proprie bandiere, all’iniziativa che si è tenuta per onorare il sacrificio dell’Eroe Alberto Pepe, ufficiale d’artiglieria teramano deceduto dopo una lunga prigionia nel campo di Unterluss in Germania e quello di tutte le vittime dell’Olocausto e della persecuzione nazi-fascista.

La cerimonia si è svolta in Viale Cavour dove è presente una ‘Pietra d’inciampo’ dedicata ad Alberto Pepe e presso la Villa Comunale Stefano Bandini, dove è collocata una lapide a sua memoria, con la partecipazione degli studenti delle scuole cittadine.

Rifondazione Comunista ha partecipato alla celebrazione del Giorno della Memoria, istituito nel ricordo del 27 gennaio 1945, giorno in cui le truppe sovietiche dell’Armata Rossa aprirono i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz in Polonia e liberarono gli ultimi prigionieri sopravvissuti allo sterminio nazista di Hitler. Più di 1 milione di persone morirono dal 1940 al 1945, solo in quel Lager. L’Unione Sovietica, con i suoi 25 milioni di morti, è stata la principale artefice della sconfitta militare e politica del nazismo.

“Questa è la verità storica che qualcuno vorrebbe cancellare o vergognosamente modificare. La risoluzione approvata a settembre dal Parlamento Europeo per equiparare il comunismo al nazi-fascismo rappresenta dunque un atto vergognoso. La storia non si cancella! Continueremo a lottare, unendo tutti i comunisti e i sinceri democratici, contro questi maldestri tentativi di equiparazione tra comunismo e nazi- fascismo e di revisionismo storico. Rifondazione Comunista non dimentica il sacrificio di tutte le vittime del nazi-fascismo e continuerà ad onorarne la memoria per trasmettere il loro esempio alle nuove generazioni”.